Repubblica e Renzi

Il Foglio commenta, preoccupato, il recente avvicinamento del maggiore quotidiano della sinistra al maggiore candidato della sinistra

Un editoriale del Foglio commenta martedì un fenomeno notato nelle ultime settimane da molti lettori del quotidiano Repubblica e osservatori delle vicende politiche a sinistra: l’adesione di Repubblica al nutrito gruppo degli ex detrattori del sindaco di Firenze Matteo Renzi che di recente hanno invece modificato le loro precedenti posizioni (e nel caso di Repubblica, il più letto quotidiano di sinistra, è un’adesione ancora piuttosto rilevante).

I rapporti tra Matteo Renzi e Repubblica hanno avuto un’evoluzione piuttosto complessa. Nella competizione che lo contrappose a Pier Luigi Bersani, Renzi fu sconfitto anche perché la potente macchina propagandistica del quotidiano più influente nella sinistra era apertamente schierata con il segretario. Dopo la mancata vittoria elettorale, mentre Renzi spiegava le ragioni della sconfitta nell’impostazione incerta e puramente antiberlusconiana della campagna elettorale, da Repubblica veniva una lettura opposta, quella secondo cui la timidezza nello scontro con il “nemico” aveva favorito l’inatteso esito elettorale del Movimento 5 stelle.

(continua a leggere sulla rassegna stampa Treccani)

(Foto Mauro Scrobogna /LaPresse)