Alice Munro ha vinto il Nobel per la Letteratura 2013

Il riconoscimento alla scrittrice "maestra del racconto contemporaneo"

Alice Munro ha vinto il Nobel per la Letteratura come “maestra del racconto contemporaneo”.

Munro è nata a Wingham, in Canada, il 10 luglio del 1931. È stata insignita per tre volte con il premio del Govern General’s Award, il più importante premio letterario canadese. La maggior parte dei suoi racconti sono ambientati nel Southwestern Ontario. È considerata tra le più importanti scrittrici viventi e si è fatta soprattutto conoscere per i racconti che attraverso la vita quotidiana analizzano i rapporti e le relazioni personali.

La madre di Alice Munro faceva la maestra, mentre il padre era un contadino. Finite le superiori, Munro ha frequentato l’Università del Western Ontario studiando soprattutto lingua inglese e giornalismo. Dopo avere lasciato l’università nel 1951, si è trasferita con il marito nella British Columbia, dove ha aperto una piccola libreria.

Munro ha iniziato a scrivere i suoi primi racconti quando era ancora adolescente, ma il suo primo libro sarebbe stato pubblicato molti anni dopo, nel 1968. Era una raccolta di racconti intitolata “La danza delle ombre felici”, che ottenne un notevole successo in Canada. Nel 1971 ha pubblicato una seconda raccolta di storie, “Lives of Girls and Women”, interconnesse tra loro e pubblicata come romanzo.

Alice Munro è soprattutto conosciuta per i suoi racconti brevi e nel corso degli anni ha realizzato numerose raccolte, in buona parte pubblicate in Italia da Einaudi. Tra queste ci sono:

Chi ti credi di essere? (1978)
Il percorso dell’amore (1986)
Stringimi forte, non lasciarmi andare (1990)
Segreti svelati (1994)
Il sogno di mia madre (1998)
Troppa felicità (2009)

Nel 2013 Mondadori ha pubblicato “Racconti”, un’antologia con alcune delle più famose storie scritte da Munro, nella collana “I Meridiani”.

(Peter Muhly/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.