Beppe Grillo condannato per diffamazione

La Cassazione ha confermato che dovrà risarcire 25 mila euro a Giorgio Galvagno, ex sindaco di Asti

La Corte di Cassazione ha confermato la condanna per diffamazione contro Beppe Grillo, condannato a risarcire 25 mila euro (più gli interessi e le spese legali) all’ex sindaco di Asti Giorgio Galvagno, ex parlamentare di Forza Italia: nel corso di un suo spettacolo del 2003 al teatro Alfieri di Asti, infatti, Grillo aveva definito Galvano un «tangentista», accusandolo cioè di essere stato corrotto negli anni precedenti a Tangentopoli.

Nella sentenza si legge che Galvagno «fu sì coinvolto in un procedimento penale in cui altri coimputati avevano effettivamente preso tangenti, ma lui non fu mai imputato per aver ricevuto indebitamente denaro o altre utilità dallo smaltimento illegittimo di rifiuti tossici, come invece affermato da Grillo». Galvagno fu poi prosciolto anche da quelle accuse. La sentenza è la stessa emessa già dopo il primo grado di giudizio ma Grillo nel 2012 aveva fatto ricorso alla corte di Appello.

foto: TIZIANA FABI/AFP/Getty Images

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.