• Cultura
  • mercoledì 11 settembre 2013

Il festival di fotografia di Savignano

25 immagini dal SiFest, festival bello e importante che apre il 13 settembre in Romagna

Sarà inaugurata il 13 settembre a Savignano, in provincia di Forlì-Cesena, la 22esima edizione di un importante festival di fotografia, il SiFest, quest’anno con un titolo particolare tratto da un testo dello scrittore francese Georges Perec: Specie di spazi. Il titolo è inteso come “dubbio”, riguardo lo spazio. Nel testo, del 1989, Perec spiega a proposito dello spazio: «devo continuamente individuarlo, designarlo. Non è mai mio, mai mi viene dato, devo conquistarlo. I miei spazi sono fragili, il tempo li consumerà, li distruggerà: niente somiglierà più a quel che era, i miei ricordi mi tradiranno, l’oblio s’infiltrerà nella mia memoria, guarderò senza riconoscerle alcune foto ingiallite dal bordo tutto strappato».

Le mostre raccolgono opere di autori famosi ed esordienti e attraverseranno diversi sottotemi: il paesaggio, con le fotografie di architetture socialiste di Roman Bezjak; lo spazio privato e interiore con la mostra “Lo spazio che sento”, che raccoglie le fotografie di Machiel Botman; lo spazio “digitale” con il reportage di Giorgio Di Noto realizzato con scene tratte da video girati nelle strade di Tunisia, Libia e Egitto, ri-fotografate dallo schermo del computer.

Anche in questo festival ci sarà un’importante parte dedicata a opere che partono dalle fotografie degli archivi e dagli album di famiglia, come la bella mostra “Archiv” dell’artista tedesco Joachim Schmid e l’opera video dell’artista italiano Franco Vaccari. Quest’anno saranno poi esposte le fotografie di Elio Luxardo: la mostra sarà un omaggio al ritrattista che tra gli anni Trenta e Quaranta fotografò dive e attori con un occhio particolarmente attento alla luce e al corpo, e un’idea estetica molto vicina al concetto di “superuomo”.

Sarà possibile visitare le mostre con un biglietto cumulativo, partecipare ad incontri e conferenze. Il programma del festival è online.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.