• Mondo
  • domenica 8 settembre 2013

Domenico Quirico è rientrato in Italia

Il giornalista della Stampa era stato sequestrato in Siria lo scorso aprile: è stato liberato domenica insieme a un altro ostaggio, belga

00.34. Ai giornalisti che dopo il suo arrivo – è stato accolto e abbracciato dal ministro Bonino – gli hanno chiesto come era stato trattato, Quirico ha risposto “non bene”. E ha spiegato e fatto capire che la rivoluzione siriana è diventata qualcosa di diverso da quello che aveva cercato di raccontare lui nei suoi articoli, esponendone le ragioni.

Aggiornamento 00.20: l’aereo che riportava Domenico Quirico in Italia è atterrato all’aeroporto di Ciampino. Sull’aereo ha viaggiato anche l’insegnante belga Pierre Piccinin, anche lui sequestrato in Siria da cinque mesi e liberato oggi.

*****

Domenico Quirico, il giornalista della Stampa che era stato sequestrato in Siria lo scorso 9 aprile, è stato liberato. Lo ha annunciato il direttore della Stampa Mario Calabresi  domenica sera poco dopo le 21 su Twitter, citando una comunicazione del Ministro degli Esteri.

 

Domenico Quirico è stato liberato. L’inviato de La Stampa, rapito in Siria in aprile, è in volo verso l’Italia. La sua odissea era iniziata appena passato il confine libanese, il 6 aprile. Quattro giorni più tardi aveva inviato un sms a una collega della Rai. Poi il silenzio. Rotto il 6 giugno nel primo pomeriggio con una breve telefonata alla moglie Giulietta. La voce lontana diceva di stare bene e di essere stato rapito.

(continua a leggere sul sito della Stampa)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.