• Mondo
  • domenica 8 Settembre 2013

Fariba Ahmadi Kakar è stata liberata

In uno scambio di prigionieri: la parlamentare afgana era stata rapita dai talebani un mese fa

La parlamentare afgana Fariba Ahmadi Kakar è stata liberata nella notte tra sabato 7 e domenica 8 dai talebani, scrive BBC. Kakar era stata rapita il 14 agosto nella provincia di Ghazni, sull’autostrada che collega Kabul con Kandahar. A quanto pare, Kakar è stata rilasciata in seguito ad uno scambio di prigionieri.

I talebani hanno dichiarato che il governo afgano ha liberato quattro donne e i loro figli, arrestati per errore. Questo gesto ha reso possibile il rilascio della parlamentare. Insieme a Kakar erano stati rapiti anche i suoi tre figli e il suo autista, tutti rilasciati poco dopo il rapimento. La liberazione sarebbe avvenuta grazie alla mediazione del clero e degli anziani della provincia di Ghazni.

BBC scrive che il rapimento di Kakar è stato il primo di una parlamentare donna nel paese e ha fatto temere un possibile aumento degli attacchi nei confronti delle donne afgane che hanno raggiunto posizioni influenti, un risultato che è spesso pubblicizzato dal governo Karzai come uno dei cambiamenti sociali più positivi dopo la fine del regime dei talebani in gran parte del paese. Pochi giorni fa l’uccisione dell’autrice indiana Sushmita Banerjee, che aveva scritto un libro in cui parlava delle intimidazioni subite dai talebani ed era impegnata in progetti sociali per le donne afgane, aveva fatto tornare a parlare del tema della condizione femminile nel paese.

Kakar lavorava come insegnante e venne eletta la prima volta alla camera bassa nel 2005. Attualmente nel parlamento afgano siedono 68 donne, su un totale di 250 seggi. Il numero di rapimenti nel paese è aumentato negli ultimi anni: spesso sono compiuti da bande di criminali comuni che chiedono un riscatto minacciando di vendere i loro ostaggi ai gruppi ribelli talebani. L’anno prossimo le truppe della coalizione dovrebbero lasciare il paese e ci sono molti dubbi sul fatto che le forze di sicurezza afgane siano in grado di controllare da sole il paese.