• Mondo
  • mercoledì 4 settembre 2013

Ariel Castro si è suicidato

Era stato da poco condannato al carcere a vita per aver sequestrato tre donne per dieci anni, nella sua casa di Cleveland

Ariel Castro, l’uomo condannato al carcere a vita per avere rapito e tenuto prigioniere per circa dieci anni tre donne a Cleveland in Ohio, è stato trovato morto nella sua cella del carcere di Orient, a sud di Columbus. Intorno alle 21:20 di martedì 3 settembre (le 3:20 del mattino di mercoledì 4 in Italia), una guardia ha scoperto che Castro si era impiccato. Il personale medico del carcere ha tentato di rianimarlo e successivamente lo ha trasferito in ospedale, dove è stata dichiarata ufficialmente la sua morte. Castro era tenuto sotto controllo dalle guardie della prigione per la notorietà del suo caso, ma non si riteneva fosse a rischio suicidio. Per questo motivo venivano eseguiti controlli sulle sue condizioni ogni mezz’ora circa.

Giovedì 1 agosto Ariel Castro era stato condannato all’ergastolo senza condizionale, cui erano stati aggiunti 1000 anni di carcere per i vari crimini commessi contro le tre donne rapite. Aveva accettato di non beneficiare della possibilità di uscire prima per buona condotta, e in cambio aveva ottenuto di evitare la condanna a morte.

Amanda Berry, Gina DeJesus e Michelle Knight erano state rapite separatamente tra il 2002 e il 2004, quando avevano rispettivamente 14, 16 e 20 anni, da Ariel Castro, un ex autista di autobus di 52 anni, che le tenne prigioniere nella propria villetta su due piani nella zona di Cleveland. Castro ebbe una figlia con Berry – la bambina ora ha 6 anni – e lasciò Knight senza cibo per giorni e la percosse più volte per farla abortire.

Castro fu arrestato il 6 maggio scorso, dopo che Berry era riuscita a uscire dalla porta di casa dove era sotto sequestro con le altre due donne. Le sue urla e richieste di aiuto furono sentite da alcuni vicini, che la soccorsero e scoprendo di avere vissuto per anni nella zona senza avere idea di che cosa stesse succedendo nella casa di Castro.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.