• Mondo
  • giovedì 1 agosto 2013

La nuova guerra in Iraq

Soltanto a luglio ci sono stati quasi 1000 morti: a due anni dal ritiro americano gli attentati e le divisioni aumentano, secondo molti è un'altra guerra civile

Soltanto nel mese di luglio in Iraq sono morte quasi 1000 persone, fra ribelli, civili, poliziotti e militari, mentre i feriti sono stati oltre 1500: il numero più alto per un singolo mese dall’aprile del 2008. Da diversi anni molte città del paese, tra cui la capitale Baghdad, sono colpite quasi quotidianamente da attentati terroristici, frutto delle divisioni settarie del paese e dell’attivismo di diversi gruppi di al Qaida in Iraq. Gli Stati Uniti hanno ultimato il ritiro delle loro truppe nel 2011.

Il governo iracheno, guidato dal maggio 2006 dal primo ministro sciita Nuri al Maliki, non è riuscito a stabilizzare e pacificare il paese. Alcune province, specie quelle nord occidentali al confine con la Siria, sono rimaste in parte controllate da al Qaida, che da lì fa partire anche il flusso di armi, uomini e aiuti di vario tipo ai gruppi radicali che stanno combattendo in Siria contro il presidente siriano Bashar al Assad. Al Maliki non è riuscito nemmeno a fermare le violenze settarie nel paese, portate avanti soprattutto dai sunniti – la setta dell’islam a cui apparteneva Saddam Hussein e che gli Stati Uniti hanno contribuito a indebolire attraverso l’intervento militare del 2003 – contro gli sciiti. Infine, al Maliki è rimasto in balia delle influenze esterne: dai legami con l’Iran, anch’esso sciita, alla guerra in Siria, che è stato il motivo più importante dell’intensificarsi delle violenze negli ultimi mesi.

Mappa Iraq

Al Qaida in Siria e in Iraq
Secondo molti esperti l’attivismo di al Qaida in Iraq è uno dei motivi più importanti della destabilizzazione del paese. Da diversi mesi uno dei gruppi più violenti è lo “Stato Islamico dell’Iraq e del Levante”, che è nato all’inizio del 2013 da una fusione tra jihadisti iracheni e siriani. Questo gruppo, come la totalità di al Qaida, appartiene alla setta dell’Islam che fa riferimento al sunnismo – o almeno così è stato fino ad ora, anche se è molto difficile capire i cambiamenti che avvengono all’interno di al Qaida, specie per la sua particolare struttura “a ombrello” e decentrata in diversi paesi islamici. L’obiettivo dello “Stato Islamico dell’Iraq e del Levante”, come di altri gruppi della regione, è creare un califfato islamico e imporre la sharia, la legge islamica, ai territori che ne fanno parte.

Più nello specifico, al Qaida in Iraq combatte apertamente le strutture amministrative e le forze di sicurezza del paese, che rispondono al primo ministro – sciita – al Maliki. Al Maliki è stato eletto primo ministro nel dicembre del 2005, il primo del paese dopo il governo di transizione che aveva governato ad interim a seguito della caduta di Saddam Hussein. Lo “Stato Islamico dell’Iraq e del Levante”, scrive Reuters, è stato il responsabile degli attacchi terroristici degli ultimi giorni, che hanno ucciso più di 80 persone dall’inizio di questa settimana, e dell’incredibile evasione di massa da due importanti prigioni irachene.

Gli attacchi alle prigioni dell’Iraq
La scorsa settimana centinaia di detenuti sono stati liberati dopo degli attacchi simultanei a due prigioni irachene di massima sicurezza, Abu Ghraib e Taji. Gli attacchi sono stati rivendicati dallo “Stato Islamico dell’Iraq e del Levante” e hanno dimostrato l’incapacità delle forze di sicurezza dell’Iraq di contrastare al Qaida sul territorio nazionale. Gli attacchi sono stati compiuti esattamente un anno dopo che il leader del ramo iracheno di al Qaida, Abu Bakr al-Baghdadi, ha lanciato una campagna per liberare i qaedisti detenuti nelle prigioni irachene.

1 2 Pagina successiva »

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.