• Italia
  • sabato 20 Luglio 2013

Le prime condanne per il naufragio della Costa Concordia

Cinque persone hanno patteggiato tra 18 mesi e 2 anni e 10 mesi: rimane imputato solo il comandante Schettino

Il 20 luglio il giudice dell’udienza preliminare (GUP) del tribunale di Grosseto Pietro Molino ha accolto i patteggiamenti richiesti per il naufragio della Costa Concordia – la nave affondata al largo dell’Isola del Giglio la notte del 13 gennaio 2012, in cui morirono 32 persone – da cinque dei sei imputati accusati di omicidio plurimo colposo e lesioni colpose.

La condanna più alta è stata inflitta a Roberto Ferrarini, capo dell’Unità di crisi di Costa Crociere, che ha ricevuto 2 anni e 10 mesi di carcere. Manrico Giampedroni, hotel director della Costa Concordia, ha patteggiato 2 anni e 6 mesi; Ciro Ambrosio, ufficiale in plancia, un anno e 11 mesi; Silvia Coronica, altro ufficiale in plancia, ha avuto un anno e 6 mesi, mentre Jacob Rusli Bin, il timoniere indonesiano – che ha lasciato l’Italia dopo l’inizio del processo e non vi è mai rientrato – un anno e 8 mesi.

Inoltre, i due ufficiali di plancia e il timoniere sono stati condannati anche per il reato di naufragio colposo. Dopo le decisioni di oggi, il comandante Francesco Schettino rimane l’unico imputato nel processo per il naufragio. Anche Schettino aveva richiesto il patteggiamento, ma la sua istanza era stata rifiutata dalla Procura di Grosseto, anche se su questo punto si attende la decisione finale del giudice. Commentando la decisione di oggi, il procuratore di Grosseto Francesco Verusio ha detto che «con queste prime condanne non ci sono più dubbi sulle gravi responsabilità di Schettino». Gli avvocati di parte civile hanno invece criticato le decisioni del giudice, considerate «eccessivamente esigue rispetto a quello che è successo».

Foto: VINCENZO PINTO/AFP/Getty Images