• Sport
  • venerdì 19 Luglio 2013

Rojadirecta è stato “sequestrato” in Italia

Il sito che elenca link per vedere in streaming il calcio e altri sport è stato reso inaccessibile dalla procura di Milano

Rojadirecta, il popolare sito spagnolo che, fra le altre cose, aggrega link che permettono di vedere gratuitamente molti eventi sportivi, fra cui le partite di calcio della Serie A, è raccontato in un articolo di oggi, venerdì 19 luglio, sul Corriere della Sera a proposito del “sequestro” da parte della procura di Milano.

Il gip di Milano, Andrea Ghinetti, ha disposto il sequestro preventivo del famoso sito “pirata” spagnolo Rojadirecta, che aggrega link per vedere partite di calcio e di altri sport in streaming. Il sequestro era stato richiesto dalla Procura dopo gli esposti di Rti e della Lega Calcio. I legali del sito, gli avvocati Fulvio Sarzana, Giuseppe Vaciago e Giovanni Maria Riccio, però, hanno già presentato ricorso al Tribunale del Riesame per chiedere il dissequestro.

IP inibiti – Rojadirecta era stato già altre volte destinatario di provvedimenti simili, risolti cambiando dominio (da .com a .org, poi a .me). In questo caso, sono stati inibiti gli accessi dagli indirizzi ip (le «etichette numeriche» che definiscono gli apparecchi e la loro posizione quando si collegano a internet) provenienti dall’Italia. Ghinetti ha spiegato che il sito «rappresenta un vero e proprio portale per l’abusiva diffusione di eventi sportivi in violazione degli altrui diritti di privativa». Rojadirecta, oltre alle dirette, offre la possibilità di vedere i video highlight degli incontri (cioè i momenti salienti) e quella di scaricare gli eventi già conclusi. «Rojadirecta si appropria anche di volumi di traffico generati da coloro che visionano gratuitamente l’evento – conclude Ghinetti – riuscendo anche a lucrare sulle numerose inserzioni pubblicitarie».


(Continua a leggere sul sito del Corriere della Sera)