• Mondo
  • mercoledì 17 luglio 2013

I matrimoni gay sono diventati legali in Inghilterra e Galles

La Regina ha dato la sua approvazione: i primi si celebreranno l'estate prossima

Mercoledì 17 luglio la Regina Elisabetta II ha dato il suo assenso all’entrata in vigore della legge sui matrimoni gay, che era stata approvata in via definitiva martedì dal parlamento britannico. La legge, che ha avuto l’appoggio dei leader dei tre maggiori partiti britannici – laburisti, conservatori e liberal-democratici – legalizza il matrimonio tra persone omosessuali in Inghilterra e Galles. Secondo BBC i primi matrimoni gay delle due nazioni del Regno Unito verranno celebrati l’estate del prossimo anno.

Prima dell’assenso formale della Regina, che comunque era dato per scontato, la legge era stata approvata martedì dalla Camera dei Comuni, che aveva accettato delle piccole modifiche apportate nel testo della legge dalla Camera dei Lords. La legge va a modificare le civil partnership, approvate nel Regno Unito nel 2005: lascia alle diverse istituzioni religiose del paese la libertà di scegliere se celebrare o meno le unioni omosessuali, a eccezione della chiesa anglicana, per la quale i matrimoni gay restano illegali. I matrimoni gay celebrati in Chiesa avranno anche valore civile, così come i matrimoni tra eterosessuali.

La discussione della legge sui matrimoni gay ha diviso profondamente il partito conservatore britannico del primo ministro David Cameron, che è stato uno dei più convinti sostenitori del progetto di legge. Nel corso degli ultimi mesi – la proposta si discute da gennaio, e da allora ha dovuto superare diversi passaggi parlamentari – molti dirigenti ed esponenti importanti dei tories, i conservatori britannici, si sono opposti all’iniziativa di Cameron. Tra questi ci sono stati almeno 6 whip, i membri più importanti del gruppo parlamentare, e quattro membri del governo. Il 3 febbraio scorso 25 dirigenti locali dei tories avevano chiesto di far slittare la votazione alla prossima legislatura, senza però che la loro richiesta fosse accolta da Cameron. I media britannici sono d’accordo nel ritenere che la posizione di Cameron sui matrimoni gay abbia contribuito a indebolire la sua leadership all’interno del partito.

foto: (ANDREW COWIE/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.