La fotografia in bianco e nero ad Arles

30 immagini da uno dei festival di fotografia più importanti in Europa, che apre lunedì

Lunedì apre ad Arles in Francia il festival di fotografia Les Recontres d’Arles. Il Festival è diretto da François Hébel, si intitola Arles in Black ed è arrivato alla 44esima edizione. Quest’anno il tema proposto sarà il bianco e nero, tema da alcuni considerato paradossale, vista l’epoca in cui ci troviamo, ma rilanciato dai curatori con un proposito radicale di riscoperta e diverse opere e artisti inediti e originali.

Il festival è molto grande e vario, espone vecchi e importanti lavori dalla storia della fotografia e altri contemporanei che scelgono il bianco e nero come scelta stilistica. Il tema attraversa tutto il festival e racconta del lento declino del bianco e nero, cominciato all’inizio degli anni Novanta, fino ad arrivare all’arrivo della fotografia digitale, passando per gli album e gli archivi di famiglia. Gli incontri provano a chiedersi che posto ha la fotografia in bianco e nero oggi.

Ad Arles ci saranno diversi autori, alcuni piuttosto importanti come Hiroshi Sugimoto, Sergio Larrain e Wolfgang Tillmans e si potranno vedere opere ed installazioni sul senso e la politica della fotografia, mostre personali e collettive. Tutte le giornate di apertura sono caratterizzate da eventi diversi in giro per la città (ma anche in Camargue come alle Salin-de-Giraud), il programma è sul sito del festival.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.