• Cultura
  • Questo articolo ha più di nove anni

Juliette Lewis ha 40 anni

Ma quando ne aveva venti e ne dimostrava sedici tutte le copertine erano per lei: ora è membro di Scientology e canta in una rockband

Juliette Lewis, a un certo punto si parlava molto di Juliette Lewis, al cinema. Nella prima metà degli anni Novanta faceva due o tre film all’anno, a vent’anni: e con Martin Scorsese, Oliver Stone, Woody Allen e Kathryn Bigelow, con tutto il contorno di divismo hollywoodiano, copertine, Brad Pitt per fidanzato, e molti poster nelle camerette dei suoi quasi coetanei in tutto il mondo. Poi a un certo punto è uscita da quelle copertine con la sua faccia bambina, e un po’ alla volta è successo che oggi ha compiuto 40 anni.

È nata il 21 giugno del 1973 a Los Angeles, in California e da un po’ di tempo ha ruoli meno importanti, ha fatto qualche serie tv che non ha spaccato, e canta in una rockband (cantava già in Strange Days, per chi se lo ricorda). Aveva cominciato a recitare in alcune serie e film per la televisione a 13 anni, ed ebbe una nomination per Cape Fear (il remake, naturalmente) di Scorsese a soli 18 anni: nel film Lewis girò una scena di bacio molto sensuale con Robert De Niro. Dopo, le rimase a lungo incollata l’immagine della Lolita: una ragazza giovane e all’apparenza innocente, in grado di far perdere la testa a uomini più anziani. Poi rimase ancora più memorabile il suo personaggio violento e altrettanto sfacciato in Natural Born Killers di Oliver Stone.

Ora Lewis è un membro molto attivo della chiesa di Scientology, che difende molto dalle frequenti accuse sostenendo in particolare di esserne stata aiutata nel superare i suoi problemi con le dipendenze da droghe. E questo autunno uscirà August: Osage County, dove recita con Meryl Streep e Julia Roberts.