Attraverso

Album fotografico in cui tra il soggetto e l'osservatore c'è sempre un ostacolo, un vetro o un velo, che a volte toglie e a volte aggiunge

Ci sono sempre molti schermi, tra noi e il soggetto di una foto: l’occhio di chi scatta è quello più nascosto, dato che la scelta della luce e dell’inquadratura è già un’interpretazione del soggetto. A volte però l’ostacolo è palese, e spesso fornisce una chiave di lettura, trasmette un’immediata sensazione. Come nel caso dei manifestanti ritratti attraverso la bandiera della causa che sostengono, oppure un’auto attraverso un vetro scheggiato in una zona di guerra. Il paziente dietro una zanzariera per ripararsi da una malattia infettiva viene protetto, ma la rete lo rende anche più distante dall’osservatore e, in qualche modo, minaccioso. In ogni foto di questa galleria, sta all’osservatore scegliere un messaggio: ma gli schermi e i veli ci ricordano anche che tra lui e il soggetto c’è sempre un’incancellabile distanza.