• Italia
  • venerdì 17 Maggio 2013

I tassisti contro Uber

L'azienda internazionale di trasporto privato è arrivata da un mese in Italia, i tassisti lamentano "concorrenza sleale" e protestano

Da circa un mese è attivo in Italia Uber, un servizio di trasporto privato già attivo in molte città in tutto il mondo. La prima città italiana coinvolta è stata Milano, e da pochi giorni il servizio è disponibile anche a Roma.

Il servizio di Uber è una cosa a metà tra quello dei taxi e il noleggio di auto private. L’azienda dispone di una serie di berline blindate – superiori per comfort ai normali taxi – che girano costantemente per la città e alle quali vengono smistate le richieste dei clienti. Il processo si svolge grazie a un’applicazione per smartphone che invia automaticamente le coordinate GPS del cliente al centralino, che inoltre calcola in anticipo la tariffa della corsa e la addebita poi sulla sua carta di credito. Per ammissione dello stesso direttore operativo Ryan Graves, il servizio è rivolto a chi è disposto a spendere una cifra maggiore rispetto all’utilizzo del taxi, ed infatti a parità di percorso le tariffe sono superiori del 20-30 per cento.

I tassisti, come era prevedibile, stanno protestando vivacemente perchè ritengono che si tratti di concorrenza sleale: gli autisti di Uber, fra le altre cose, a differenza loro non sono in possesso di alcuna licenza. E il problema della liberalizzazione delle licenze dei tassisti va avanti da molto tempo: per ultimo il governo Monti provò a intervenire creando un’autorità che si occupasse di aprire il settore taxi, ma dopo molte proteste dei sindacati dei tassisti la norma venne prima ammorbidita e poi del tutto accantonata. Simili sforzi da parte di altri governi erano falliti in passato.

Giovedì mattina alcuni tassisti hanno fatto un volantinaggio di protesta nel parcheggio di Linate, a Milano. Il presidente del S.A.Ta.M. (Sindacato Artigiani Tassisti di Milano), Nereo Villa, ha dichiarato che i problemi principali sono due: «Primo: la corsa viene chiamata senza contrattazione. Secondo: le vetture non partono dalle rimesse ma dalle strade. Se il comune non interviene andremo in Procura». I tassisti sostengono, insomma, che Uber fornisca un servizio di taxi “mascherato”, quindi illegittimo, e non un servizio di “noleggio con conducente”. Altre proteste sono state raccolte dalla pagina Facebook “Uber, no thanks”, alla quale al momento sono iscritte circa 900 persone, e da Vanity Fair, che dopo un articolo sull’argomento ha ricevuto molte critiche. L’assessore alla Mobilità di Milano, Pierfrancesco Maran, per il momento ha dato ragione ai tassisti, dichiarando che «l’applicazione non rispetta la legge. La vicenda sarà chiarita presto».

Cosa dice la legge
La legge 21 del 1992 regolamenta le modalità del trasporto pubblico non di linea. L’articolo 3 che per i servizi di noleggio con conducente “lo stazionamento dei mezzi avviene all’interno delle rimesse o presso i pontili di attracco”, mentre Uber raccoglie le chiamate degli utenti quando le auto sono in circolazione. Al contrario del noleggio con conducente, inoltre, la tariffa non è concordata tra utente e autista bensì calcolata automaticamente: come sui taxi.

Il servizio di Uber non sembra essere compatibile con altri articoli della legge che fanno riferimento ai requisiti dell’autista, che deve essere in “possesso del certificato di abilitazione professionale”, pre-requisito a sua volta fondamentale per richiedere l’iscrizione nel “Ruolo dei conducenti di veicoli o natanti adibiti ad autoservizi pubblici non di linea”. È bene però ricordare che quello dei taxi è uno dei settori professionali più chiusi e meno liberalizzati in assoluto: oltre a opporsi a servizi come Uber, i sindacati dei tassisti sono notoriamente – e rumorosamente – contrari anche all’assegnazione di nuove licenze a nuovi tassisti.

foto: Paul J. Richards/AFP/Getty Images