• Sport
  • domenica 12 Maggio 2013

Paul Scholes si ritira

Per la seconda volta: il fortissimo centrocampista del Manchester United ha annunciato che alla fine della stagione smetterà di giocare, lo aveva già fatto nel 2011

Il centrocampista inglese del Manchester United, Paul Scholes, ha annunciato il suo ritiro, alla fine della stagione. In realtà, si tratta del suo secondo ritiro, anche se questa volta, ha spiegato Scholes, si tratterà di quello “definitivo”. Scholes, che ha 38 anni, si era infatti già ritirato alla fine della stagione 2010-2011, ma decise poi di tornare a giocare nel gennaio 2012.

Paul Scholes – che ha giocato la sua intera carriera nel Manchester United, a partire dal 1994 (dopo aver fatto anche le giovanili dello United) – aveva firmato un ultimo contratto nel maggio 2012, per un anno soltanto. Si è trattato quindi di un annuncio che molti nella squadra si attendevano. A partire dal suo storico allenatore, Alex Ferguson, che si ritirerà anche lui alla fine della stagione, come ha annunciato l’8 maggio scorso dopo 27 anni passati nel Manchester United.

(Le foto di Alex Ferguson)

Scholes giocherà oggi la sua ultima partita all’Old Trafford, lo stadio del Manchester, contro lo Swansea: la squadra di Manchester ha già vinto aritmeticamente il campionato (mancano due giornate alla fine) e festeggerà davanti al proprio pubblico. Per Paul Scholes si tratta dell’undicesimo trofeo vinto in Premier League: inoltre, con la squadra, ha vinto anche due Champions League – il trofeo più importante a livello europeo – tre volte la Coppa d’Inghilterra e due volte la Coppa Intercontinentale.

Paul Scholes, che è nato il 16 novembre 1974 a Salford, in Inghilterra, è stato considerato per molti anni uno dei più forti centrocampisti europei: forte fisicamente, tecnico, intelligente, bravo a segnare. Nonostante la sua carriera sia stata pesantemente condizionata dall’asma: a causa di questa malattia, prima di ogni partita, ha sempre dovuto fare un aerosol. I tifosi del Manchester United lo hanno soprannominato Silent Hero (“eroe silenzioso”), per il suo carattere tranquillo e poco appariscente, ma determinato.