Le foto di Giulio Andreotti

Uno dei più importanti politici italiani - sette volte presidente del Consiglio, e molto altro - è morto oggi a 94 anni

Giulio Andreotti è morto. Aveva 94 anni, era stato uno degli esponenti più importanti della Democrazia Cristiana durante la Prima Repubblica.

La sua carriera politica era iniziata nel 1946, quando grazie ad Alcide De Gasperi divenne membro della Costituente. Considerato uno dei più importanti politici della storia italiana, Giulio Andreotti ha ricoperto un’enorme quantità di incarichi. È stato sette volte presidente del Consiglio (una di queste durante il sequestro di Aldo Moro, un’altra alla guida del cosiddetto “governo della non sfiducia”, molto citato in queste settimane) e poi otto volte ministro della Difesa, tre volte ministro delle Partecipazioni Statali, due volte ministro delle Finanze, cinque volte ministro degli Esteri, due volte ministro dell’Industria, due volte ministro del Bilancio, una volta ministro del Tesoro, una volta ministro dell’Interno, una volta ministro dei Beni Culturali, una volta ministro delle Politiche Comunitarie.

È stato nominato senatore a vita nel 1991 da Francesco Cossiga. Un suo famoso e importante processo per concorso esterno in associazione mafiosa si è concluso nel 2003 con l’assoluzione per i fatti successivi al 1980 e la prescrizione per i fatti precedenti, a fronte di una “concreta collaborazione” con esponenti della mafia.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.