• Mondo
  • domenica 14 aprile 2013

La Festa dell’acqua in Birmania

Le foto del capodanno che si festeggia per quattro giorni a colpi di gavettone (ma è meglio non mirare ai monaci buddisti)

In Birmania è cominciato ieri la festa di Thingyan, il capodanno buddista: i festeggiamenti durano quattro giorni e si celebrano in molti modi, ma quello principale è a colpi di gavettone. Gli occidentali la chiamano “la festa dell’acqua” proprio perché durante i festeggiamenti ci si schizza con pistole ad acqua, bottigliette o semplici secchi. In alcune zone delle città principali vengono eretti ai lati delle strade dei palchi, dai quali vengono lanciate secchiate d’acqua sui passanti. Essere colpiti dall’acqua simboleggia il gesto di lavare via la sfortuna e le cattive azioni che si sono accumulate nel corso dell’anno appena terminato.

Quest’anno i festeggiamenti dureranno dal 13 al 16 aprile. Per quattro giorni banche, negozi e ristoranti rimarranno chiusi. Il quarto giorno, la tradizione vuole che vengano liberati in un lago o in un fiume dei pesci salvati in precedenza dagli stagni che si prosciugano nel corso della stagione calda. Sempre il quarto giorno, i monaci buddisti – una delle poche categorie a cui vengono risparmiati i gavettoni – tengono le loro celebrazioni per il nuovo anno, che spesso coincidono con l’ordinazione a monaci dei novizi.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.