• Mondo
  • mercoledì 3 aprile 2013

Aeroporti dall’alto

Le fantastiche foto delle cose che vediamo poco prima di tornare con i piedi a terra, in giro per il mondo

L’ultima cosa che di solito vediamo per aria, prima di tornarcene saldamente con i piedi a terra, è l’aeroporto dove si appresta ad atterrare l’aereo che ci ha trasportato per qualche ora, vincendo la testarda forza di gravità. I più paurosi tirano giù la tendina dell’oblò e si rigirano nervosi i pollici senza guardare, attenti a qualsiasi rumore e sospirando, sollevati, quando sentono il tonfo sordo del carrello sulla pista. Quelli ormai avvezzi all’idea di starsene a qualche migliaio di metri da terra su un enorme coso di latta non staccano invece lo sguardo dal finestrino. Osservano quel mondo sospeso e unico costituito da ogni aeroporto: enormi autobus, minuscoli trenini per portare i bagagli, autocisterne che si muovono di continuo, strani camion fatti di scale. Un brulichio costante e frenetico intorno a mastodontici e goffi affari con le ali, più a loro agio tra le nuvole che sull’asfalto. Gli aeroporti visti dall’alto, del resto, esistono solo grazie al volo, che inizia quasi sempre da un aeroporto.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.