• Mondo
  • martedì 12 marzo 2013

La dichiarazione di Manning, registrata

È stato diffuso online l'audio del discorso in cui il soldato americano sotto processo spiega perché ha passato documenti riservati a WikiLeaks

L’organizzazione “Freedom of the Press Foundation”, che si occupa di difendere la libertà di stampa, ha pubblicato la registrazione della dichiarazione fatta da Bradley Manning – il soldato statunitense accusato di aver passato centinaia di migliaia di documenti e materiali riservati a WikiLeaks – davanti alla corte militare di Fort Meade, nel Maryland, violando di fatto le regole della corte sulla segretezza degli atti del processo. La dichiarazione di Bradley Manning dura un’ora e otto minuti e non è chiaro come la registrazione sia arrivata nelle mani dell’organizzazione. Durante l’udienza preliminare Manning si era dichiarato colpevole di 10 dei 22 capi di imputazione di cui è accusato.

Nella registrazione Manning spiega di essere «una di quelle persone che vuole sempre capire come vanno le cose» e dice di essersi sentito «coinvolto emotivamente» dal video oggi noto come “Collateral murder”, che mostrava due elicotteri Apache dell’esercito statunitense che sparavano contro un gruppo di persone disarmate, uccidendo due reporter di Reuters e ferendo gravemente due bambini. «L’aspetto più allarmante era la sete di sangue che la squadra aerea sembrava avere», ha detto Manning.

Un estratto di cinque minuti della dichiarazione di Manning

Bradley Manning, 25 anni, è stato arrestato in Iraq nel maggio 2010. Nell’udienza preliminare di giovedì 28 febbraio 2013 aveva letto una dichiarazione di 35 pagine, raccontando in modo dettagliato come ha passato le informazioni – ottenute lavorando come analista in una base dei servizi segreti dell’esercito fuori Baghdad – e spiegandone la motivazione: far conoscere al popolo americano «il vero costo della guerra», con lo scopo di far nascere un dibattito nell’opinione pubblica americana su quanto stava succedendo nell’esercito e sulla politica estera del governo.

Il processo marziale contro Manning inizierà il 3 giugno prossimo: la corte militare ha detto che dopo la pubblicazione dell’audio potrebbero essere aggiunti altri capi d’imputazione, che potrebbero portare in tal caso a una condanna all’ergastolo. Manning ha detto di aspettarsi una condanna di almeno 20 anni, oltre che essere congedato dall’esercito con disonore.

Foto: Bradley Manning (AP Photo/Patrick Semansky)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.