Altri sette anni

Il paese ha bisogno della rielezione di Giorgio Napolitano a presidente della Repubblica, scrive oggi Ferruccio de Bortoli sul Corriere della Sera

Aggiornamento 11 marzo. Pasquale Cascella, portavoce di Giorgio Napolitano, ha ribadito su Twitter che il presidente della Repubblica non ha intenzione di essere rieletto a un secondo mandato, come aveva già spiegato perentoriamente tempo fa.

 

 

***

Il paese ha «maledettamente bisogno di un punto fermo, un riferimento certo, un simbolo della sua unità», scrive oggi nel suo editoriale il direttore del Corriere della Sera, Ferruccio de Bortoli. Per questo ci sarebbe bisogno di sottrarre l’elezione del Presidente della Repubblica al «gioco d’incastro fra candidature e veti» dei partiti e l’unico modo per farlo, dice de Bortoli, sarebbe garantire al presidente uscente un secondo mandato.

Nei prossimi giorni assisteremo, con emozione, alla fumata bianca dell’elezione del Papa, ma continueremo a essere tristemente avvolti nelle nuvole nere della politica italiana. Le tenui speranze di una soluzione sono tutte nelle mani del capo dello Stato, i cui poteri però si stanno di fatto lentamente esaurendo. Il 15 aprile la Costituzione prescrive che Camera e Senato si riuniscano in seduta comune, con i delegati regionali, per scegliere il successore di Napolitano il cui mandato scade il 15 maggio.

Il calendario è fitto di decisioni ravvicinate e sovrapposte che riguardano, dal 15 marzo, anche le presidenze di Montecitorio e di Palazzo Madama oltre all’incarico per la formazione del nuovo governo. Avremo nuovi presidenti, certamente autorevoli, ma in un quadro politico così incerto e fragile non è escluso che il loro prestigio e la loro credibilità possano essere messi a dura prova. La presidenza della Repubblica, che rappresenta l’unità nazionale ed è il più alto ruolo di garanzia costituzionale, non può essere esposta a un simile rischio e va sottratta ai prevedibili effetti di un grande gioco d’incastro fra candidature e veti. Il mandato del presidente, non a caso, è di sette anni, durata che i costituenti scelsero per non far coincidere, nel limite del possibile, il rinnovo del Quirinale con quello delle Camere.

(continua a leggere sul sito del Corriere della Sera)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.