Anche Facebook è stato attaccato

Lo ha rivelato ieri, ma l'attacco risale a due settimane fa: non c'è stata una fuga di dati e la modalità è simile a quella dell'attacco a Twitter

Ieri lo staff di Facebook ha fatto sapere con una nota di aver subito un attacco di hacker. L’attacco è avvenuto due settimane fa, all’inizio di febbraio: nello stesso momento e con modalità molto simili a una serie di attacchi ad altre grandi società di internet. A quanto pare, non ci sono state fughe di dati degli utenti e la breccia nella sicurezza che ha permesso l’attacco è già stata riparata. Secondo quanto scrive lo staff di Facebook, gli hacker hanno utilizzato alcuni malware che hanno infettato il software Java dei computer di alcuni dipendenti di Facebook.

Anche Twitter, due settimane fa, aveva rivelato di aver subito un attacco informatico molto simile. In quell’occasione, per prudenza, Twitter spedì una mail a circa 250 mila utenti i cui account risultavano potenzialmente compromessi, avvertendoli che avrebbero dovuto cambiare la password. All’epoca lo staff di Twitter scrisse che l’attacco era opera di professionisti molto ben preparati e organizzati.

Poco prima dell’attacco a Twitter e Facebook, anche il New York Times e il Wall Street Journal hanno subito diverse incursioni di hacker negli ultimi mesi. In molti sospettano che questa recente serie di attacchi provenga dalla Cina. In particolare, nel caso del NYT, sembra che gli incidenti che lo hanno colpito negli ultimi quattro mesi siano una risposta a un’inchiesta del giornale sui parenti di Wen Jiabao, il primo ministro cinese, e sulle grandi ricchezze accumulate grazie ai loro affari nel paese e in giro per il mondo.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.