• Mondo
  • domenica 10 febbraio 2013

Il giorno “propizio” del Kumbh Mela

È la giornata culmine per il bagno alla confluenza dei fiumi sacri: più di 30 milioni di induisti sono arrivati ad Allahabad, in India

Oggi è la giornata principale, e più “propizia”, della festa induista Kumbh Mela, il più numeroso raduno al mondo, che si svolge ad Allahabad, nello stato indiano dell’Uttar Pradesh. Si stima che più di 30 milioni di pellegrini si immergeranno in questo periodo nella Triveni Sangam, la confluenza tra i fiumi Gange, Yamuna e il Saraswati, fiume sacro e invisibile, per cancellare i propri peccati. Quello di oggi è, per i sadhu, cioè gli asceti indiani, il più propizio dei sei giorni di abluzione per purificarsi: insieme agli altri pellegrini si immergeranno in 18 località diverse che si trovano lungo il fiume. La festa, che dura 55 giorni e si svolge ogni 12 anni, è iniziata il 14 gennaio e terminerà il 10 marzo.

Oltre agli asceti sadhu, da questa mattina, prima dell’alba, gruppi di persone appartenenti a vari ordini monastici, sono arrivati ad Allahabad su grossi carri decorati. Per garantire la sicurezza ci sono più di 14 mila poliziotti, insieme alle forze paramilitari. Già ieri sono arrivate 12 milioni di persone e oggi «l’affluenza potrebbe essere senza precedenti», ha detto il capo della sicurezza del festival. Dall’inizio della festa più di 150 mila pellegrini sono stati ricoverati e due sono morti, per problemi respiratori, dolori articolari e allergia alla polvere.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.