• Auto
  • venerdì 4 gennaio 2013

La pubblicità Ford con il font di Mercedes

Un'altra inserzione spiazzante sui giornali di oggi, dopo quella con il carattere tipografico di Volkswagen

Venerdì 4 gennaio Ford ha pubblicato sul Corriere della Sera un nuovo particolare annuncio pubblicitario su due pagine dispari consecutive – dopo quello di ieri su Repubblica – per promuovere gli alti livelli di sicurezza raggiunti dai propri autoveicoli. Ieri l’annuncio prendeva in prestito il carattere tipografico usato solitamente da Volkswagen; oggi lo fa con un altro dei suoi principali concorrenti, Mercedes.

Nella prima parte dell’annuncio viene annunciato che “C’è una casa automobilistica che ha superato ancora una volta tutte le altre nei premi per la sicurezza Euro NCAP Advanced. Tu sai chi siamo.” senza l’aggiunta di alcun marchio. Sia il font scelto che i colori dello sfondo richiamano però quelli usati da tempo da Mercedes per le proprie pubblicità e per il proprio marchio. L’idea è naturalmente quella di fare credere a chi legge che si stia parlando della casa automobilistica tedesca e non di quella statunitense.

Il gioco viene svelato sfogliando la pagina del giornale, quando si legge la seconda parte dell’annuncio, scritta questa volta con i caratteri tipografici usati solitamente da Ford. Ci sono anche il logo della società e il simbolo dell’Euro NCAP, il programma europeo che si occupa della valutazione della sicurezza dei nuovi autoveicoli.

La pubblicità di Ford con il font di Volkswagen

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.