• Mondo
  • mercoledì 26 Dicembre 2012

Il capo della polizia militare siriana ha abbandonato il regime

È uno degli ufficiali di più alto grado a passare dalla parte dei ribelli, e la sua è la defezione più importante dopo quella dell'ex primo ministro Ryiad Farid Hijab

Il capo della polizia militare siriana, il generale Absulaziz al-Shalal, ha annunciato in un video di aver lasciato l’esercito e ha dichiarato la sua intenzione di unirsi ai ribelli che combattono contro il regime del presidente Bashar al-Assad.

Nel video il generale, che si troverebbe ora in Turchia, motiva la sua decisione spiegando che l’esercito ha smesso di svolgere il suo compito principale, la protezione del paese, e si è trasformato «in un insieme di bande dedite all’omicidio e alla distruzione».

Il generale ha aggiunto che diversi ufficiali sono intenzionati a lasciare il regime e fuggire, ma che il livello di sorveglianza è aumentato e che le condizioni non sono per loro favorevoli. Una fonte interna alla sicurezza siriana ha confermato la defezione, sottolineando però che era previsto che al-Shalal andasse in pensione entro un mese.

Absulaziz al-Shalal è uno degli ufficiali di più alto grado a passare dalla parte dei ribelli, e la sua è la defezione più importante dopo quella dell’ex primo ministro siriano Ryiad Farid Hijab, avvenuta all’inizio dello scorso agosto.