• TV
  • mercoledì 28 Novembre 2012

Guida al dibattito Bersani-Renzi

Come vederlo, chi lo modererà e con quali regole: le cose da sapere sul confronto di stasera

Questa sera andrà in onda il confronto televisivo tra i due candidati al ballottaggio delle primarie del centrosinistra, Pier Luigi Bersani e Matteo Renzi. La cosa è molto attesa perché è la prima occasione in cui i due candidati si potranno confrontare direttamente, dopo il dibattito dello scorso 12 novembre su Sky per il primo turno cui parteciparono anche Nichi Vendola, Bruno Tabacci e Laura Puppato. Il voto per il ballottaggio è previsto per domenica 2 dicembre e potrà votare chi si è registrato per il voto (o preregistrato online) entro il 25 novembre, o chi ne farà richiesta tra giovedì 29 e venerdì 30 novembre.

Dove vedere il dibattito
Il confronto è organizzato da RaiUno e dal TG1 e sarà di conseguenza trasmesso su RaiUno. Potrà essere ascoltato anche in radio, sempre in diretta, su Radio1 Rai (qui trovate le frequenze a seconda della zona in cui vi trovate). La RAI trasmetterà il dibattito anche online sul portale Rai.tv. Anche YouDem, il canale del Partito Democratico, trasmetterà il confronto tra Pier Luigi Bersani e Matteo Renzi. Potrete seguire e commentare la diretta anche qui sul Post.

Quando
Il dibattito sarà in prima serata e inizia alle 21.10. Avrà una durata di 105 minuti e sono previste due interruzioni pubblicitarie.

Chi partecipa
Al dibattito parteciperanno i due candidati più votati al primo turno delle primarie, ma che non hanno raggiunto il 50 per cento più uno dei voti. Si confrontano quindi il segretario del PD, Pier Luigi Bersani, che ha ottenuto il 44,9 per cento, e il sindaco di Firenze, Matteo Renzi, che ha ottenuto il 35,5 per cento.

Chi conduce
Il dibattito sarà moderato da Monica Maggioni, giornalista del TG1 e capo redattore della redazione esteri. Conosciuta negli ultimi anni anche come conduttrice delle edizioni principali del telegiornale, nel 2003 fu l’unica giornalista italiana aggregata all’esercito statunitense (“embedded”) durante la guerra in Iraq. Avrà il compito di porre le domande ai due candidati, che sono state preparate in collaborazione con la redazione, e si dovrà anche assicurare che Bersani e Renzi rispondano a quanto è stato loro chiesto, senza sviare. Verificherà anche il rispetto dei tempi durante le risposte da parte dei due candidati.

Le regole
Sono state concordate dalla RAI con i responsabili delle campagne elettorali dei due candidati.

– Il moderatore sarà seduto al centro dello studio.

– I candidati saranno di fronte al moderatore, in piedi, e avranno un podio come nei confronti all’americana. Bersani starà alla sinistra della conduttrice, Renzi a destra.

– Ogni candidato avrà due minuti di tempo per rispondere alle domande.

– Sono previste dieci domande rapide, cui i due candidati dovranno rispondere in tempi più stretti, sul modello “dichiarazione da telegiornale”: venti secondi per domanda.

– Ogni candidato avrà la facoltà di replica, che potrà essere esercitata per un massimo di cinque volte e per trenta secondi ogni volta.

– In studio ci sarà il pubblico, equamente suddiviso tra i sostenitori di Bersani e quelli di Renzi: 40 invitati da un comitato e 40 dall’altro.

– Dai comitati elettorali collegati con lo studio arriveranno altre domande per i candidati.

– Alla fine del dibattito ogni candidato potrà rivolgere un appello agli elettori.

– All’appello finale non sarà concesso replicare se non “nel caso di una violazione dell’immagine, della persona, della dignità o della rispettabilità dell’avversario. In quel caso, a insindacabile giudizio della conduttrice – come richiesto dagli staff – verrà concessa una replica”.

Domande
Oltre alle domande di Maggioni e a quelle provenienti dai candidati, Bersani e Renzi dovranno rispondere anche ad alcune domande inviate al blog del TG1 e selezionate dalla redazione. Il primo a rispondere sarà Renzi.

Twitter
Chi seguirà il dibattito su Twitter potrà usare l’hashtag #bersanirenziconfrontofinale scelto dal TG1, oppure #csxrai – parecchio più comodo – proposto dai giornalisti del giornale Europa.