• Mondo
  • lunedì 19 novembre 2012

Le foto di lunedì da Gaza e Israele

Bombardamenti, macerie, fumo, proteste e scontri: Israele ha colpito un centro media a Gaza, dove si trova la sede della tv di Hamas

Aggiornamento delle 21.30
Secondo una radio pubblica israeliana sarebbe in corso una riunione del governo israeliano per discutere una proposta di mediazione fatta dall’Egitto per stabilire una tregua: il governo israeliano sarebbe favorevole a una tregua di 24-48 ore per avviare dei negoziati tra i propri funzionari e i rappresentanti palestinesi. Il numero dei morti nella Striscia di Gaza è salito a 110 scrive Al Jazeera, nonostante l’iniziativa egiziana i bombardamenti sono continuati anche nelle ultime ore e 750 sono i feriti. Altre due persone sono morte oggi a Hebron in Cisgiordania, durante gli scontri contro i soldati israeliani. I razzi lanciati da Hamas da questa mattina sono stati 67: il sistema anti-missili israeliano ne ha intercettati 19, ha detto il portavoce dell’esercito. La maggior parte sono caduti su campi deserti, anche se alcuni hanno colpito due scuole nella città Ashkelon senza provocare morti o feriti.

I bombardamenti di Israele a Gaza sono proseguiti anche oggi. Uno di questi ha colpito una torre che ospita un centro media e diverse testate, tra cui la tv ufficiale di Hamas. La torre era già stata colpita ieri. Anche da Gaza sono continuati a partire razzi verso Israele, anche se in numero minore rispetto ai giorni scorsi: questa mattina ad Ashkelon quattro di questi sono stati intercettati dallo scudo anti-missile di Israele. L’esercito israeliano ha detto che buona parte dei razzi sono lanciati da zone molto popolate di Gaza City. Si stima che da mercoledì scorso 570 razzi siano partiti verso Israele, 307 di questi sarebbero stati intercettati. La stima del nuovo conflitto fin qui è di 95 palestinesi e 3 israeliani uccisi. Intanto sono in corso proteste e scontri in Cisgiordania tra manifestanti palestinesi e forze di sicurezza israeliane. I manifestanti stanno bloccando delle strade a Ofer, scrive Al Jazeera, e ci sono stati scontri a Hebron, ai checkpoint di Atara, vicino Ramallah, e a Betlemme. Le notizie del giorno, in aggiornamento, sono qui.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.