Il regolamento delle primarie del PdL

Che cosa dicono i 55 articoli che regoleranno la scelta del candidato a PresdelCons del partito del fu PresdelCons

Il Popolo delle Libertà ha diffuso il regolamento delle primarie che organizzerà allo scopo di scegliere il suo candidato alla presidenza del Consiglio. Si voterà in una giornata compresa tra il 15 dicembre 2012 e il 3 febbraio 2013 e la data precisa sarà stabilita dal comitato organizzatore. Per votare non bisognerà registrarsi in anticipo ma basterà andare al seggio il giorno del voto, versare un contributo di 2 euro e sottoscrivere la “Carta dei Valori” del PdL. I candidati non potranno farsi pubblicità a pagamento, non potranno spendere più di 200.000 euro e dovranno rendere pubblico il rendiconto dei contributi che ricevono e la loro provenienza. Per candidarsi bisognerà raccogliere almeno 10.000 firme, e non più di 2.000 in ogni regione. Di seguito il regolamento ufficiale, disponibile anche qui.

PREAMBOLO

Per la scelta del candidato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri nelle elezioni politiche del 2013, il PDL, ispirandosi ai valori del popolarismo europeo e all’esperienza delle più grandi democrazie occidentali, allo scopo di favorire la più ampia partecipazione popolare alla vita politica e alle proprie scelte in favore dell’interesse nazionale, indice elezioni primarie, aperte a tutti cittadini che si riconoscono nella Carta dei Valori del Popolo della Libertà, articolate attraverso libere consultazioni sul territorio nel periodo
compreso tra il 15 dicembre e il 3 febbraio, e una serie di convention politicopro-grammatiche sul territorio, e una convention nazionale finale aperta per la proclamazione ufficiale del vincitore e per l’apertura della campagna elettorale.

I. IL COMITATO ORGANIZZATORE

1. È istituito il Comitato Organizzatore per le Primarie. Il Comitato Organizzatore è composto dai Coordinatori Nazionali e dai Responsabili dei Settori Organizzazione, Enti locali, Elettorale, Adesioni, Amministrazione, Portavoce, Internet. Dopo la formalizzazione delle candidature potrà partecipare ai lavori del Comitato Organizzatore, in qualità di invitato permanente e senza diritto di voto, un rappresentante per ciascun candidato.

2. Il Comitato Organizzatore:
a) ha sede presso la sede nazionale del Popolo della Libertà, Via dell’Umiltà n. 36, 00187-Roma;
b) predispone le modalità per la presentazione delle candidature;
c) sovrintende alle elezioni primarie, assicurandone il corretto svolgimento e decide in prima istanza, entro quarantotto ore dalla ricezione di eventuali esposti sulle controversie sorte in fase di applicazione delle norme contenute nel Regolamento;
d) predispone la modulistica per la raccolta delle firme;
e) accerta i requisiti di ammissione delle candidature e la regolarità delle firme raccolte;
f) ufficializza la lista dei Candidati ammessi e non ammessi e la rende pubblica;
g) sentiti i Coordinatori Regionali e Provinciali, predispone la lista dei seggi, in modo tale da assicurarne un’equa distribuzione sul territorio nazionale, in ragione del numero degli abitanti e della raggiungibilità delle sedi, al fine di agevolare la partecipazione dei cittadini prevedendo almeno un seggio in tutti i comuni
superiori a 15 mila abitanti;
h) predispone la lista dei candidati da riportare sulla scheda;
i) provvede alla stampa delle schede elettorali;
j) definisce gli aspetti tecnico-organizzativi e logistici delle operazioni di voto, stabilendo la dotazione necessaria in ciascun seggio per lo svolgimento delle operazioni di voto;
k) adotta i necessari provvedimenti per assicurare la più ampia partecipazione dei cittadini italiani alle Primarie;
l) emana le circolari attuative del presente Regolamento;
m) cura la realizzazione e la gestione, sul sito web del Partito, di una sezione appositamente dedicata alle primarie, e in particolare, alla pubblicazione dei documenti tecnici, politici e contabili.

3. Per l’espletamento dei compiti di cui all’articolo precedente, il Comitato Organizzatore si avvale di Comitati Organizzativi nominati dai Coordinamenti Regionali e dei Coordinamenti Provinciali, costituiti da sette membri eletti dai rispettivi coordinamenti con maggioranza dei due terzi, qualora tale maggioranza non venga raggiunta, ovvero il livello territoriale non provveda nei termini previsti, i comitati organizzativi regionali e provinciali saranno nominati direttamente dal Comitato Organizzatore. I Comitati Regionali e Provinciali sono presieduti dai rispettivi Coordinatori che ne fanno parte di diritto.

Nelle province in cui sono previste dallo Statuto del Popolo della Libertà le Grandi Città devono essere costituiti, con analoghe modalità previste al comma precedente del presente articolo, dei Comitati Organizzativi competenti per il territorio della Grande Città. Tali Comitati sono nominati dai Coordinamenti di Grande Città. Pertanto le funzioni e le competenze dei Comitati Organizzativi Provinciali previsti nei successivi articoli sono applicati anche ai Coordinamenti Organizzativi di Grande Città.

4. Al Comitato Organizzatore, in primo grado, viene deferita in via esclusiva ogni controversia relativa allo svolgimento delle Primarie nonché all’applicazione e all’interpretazione del presente Regolamento.

II. LA COMMISSIONE DI GARANZIA

5. È istituita la Commissione di Garanzia per lo svolgimento delle primarie 2012 del PDL. La Commissione di Garanzia è composta da cinque membri, scelti dall’Ufficio di Presidenza tra personalità in possesso di riconosciuti requisiti di autorevolezza e competenza.

6. La Commissione svolge attività di vigilanza sul corretto svolgimento delle Primarie, in coerenza con i valori di libertà, pluralismo e tolleranza del PDL.

7. Alla Commissione di Garanzia, in secondo grado, viene deferita in via esclusiva ogni controversia relativa allo svolgimento delle Primarie nonché all’applicazione e all’interpretazione del presente Regolamento. La Commissione di Garanzia suggerisce, inoltre, qualunque ulteriore norma necessaria per l’attuazione e la corretta interpretazione del presente Regolamento. Le decisioni sono prese a maggioranza e sono valide se partecipano alla riunione almeno tre dei suoi componenti.

III. LA GESTIONE DEGLI ASPETTI ECONOMICO-FINANZIARI

8. Gli aspetti economici e finanziari sono gestiti dall’Amministrazione Nazionale nel quadro delle deleghe affidate dal Comitato Organizzatore e secondo quanto previsto dallo Statuto e dai Regolamenti del Popolo della Libertà.

1 2 3 4 Pagina successiva »