Microsoft chiuderà Live Messenger

Entro la fine di marzo 2013 scomparirà, con tutte le sue faccine e i glitter, e tutti gli account saranno trasferiti su Skype

Dopo le voci circolate online negli ultimi giorni, Skype ha confermato che entro marzo 2013 Windows Live Messenger, il servizio per inviarsi messaggi istantanei, sarà chiuso da Microsoft e che tutti i suoi account saranno trasferiti sui sistemi gestiti da Skype. Non è una notizia di poco conto, considerato che Messenger viene quotidianamente utilizzato da decine di milioni di utenti in tutte le parti del mondo. Il programma era da tempo distribuito gratuitamente o preinstallato sui computer con Windows da Microsoft, cosa che aveva contribuito al suo successo e alla sua diffusione, insieme con la possibilità di utilizzarlo con gli account di Facebook.

La prima versione di Messenger fu messa a disposizione da Microsoft oltre 13 anni fa con il nome MSN Messenger. Nel corso degli anni le sue funzionalità furono progressivamente estese e a partire dalla versione 8 divenne parte dei servizi Windows Live, forniti da Microsoft per estendere le funzionalità dei suoi sistemi operativi. Le edizioni più recenti sono state integrate con Bing, il motore di ricerca della società informatica, e consentono anche di utilizzare la chat di Facebook, al posto di quella caricata normalmente sul sito del social network.

Live Messenger ha dovuto parte del proprio successo anche alla possibilità di effettuare chiamate vocali tra computer e computer, così come videochiamate. Diverse versioni potevano anche essere personalizzate per cambiare i font visualizzati nelle chat, le loro dimensioni e il loro colore. Altre opzioni e plug-in aggiuntivi servivano per aggiungere emoticon (le faccine) personalizzate e altri tipi di animazioni. Era anche relativamente semplice da utilizzare e per collegarsi bastava usare il proprio indirizzo di posta fornito da Microsoft, attraverso uno dei suoi molteplici servizi come Hotmail, Live e MSN.

E proprio con quegli indirizzi chi ancora oggi utilizza Messenger potrà passare a Skype, senza perdere quindi i propri contatti aggiunti nel corso del tempo sul vecchio sistema per i messaggi istantanei. Chi vuole togliersi il pensiero può già effettuare il trasferimento dell’account da Messenger a Skype. È sufficiente installare la versione più recente di Skype (la 6) e indicare nella prima schermata di volersi collegare utilizzando il proprio account Microsoft, cioè quello abituale usato per Messenger.

Nella schermata successiva chi già usava il programma potrà scegliere di fondere insieme il proprio account Microsoft con quello di Skype.

Il programma alla prima connessione provvederà automaticamente ad aggiornare la lista dei propri contatti, che saranno raggruppati a seconda della loro provenienza. Per esempio: Skype, Facebook e Messenger.

La società Skype è stata acquisita da Microsoft lo scorso anno per 8,5 miliardi di dollari. Si stima che abbia circa 600 milioni di account e il suo programma è tra i più usati per effettuare chat, telefonate e videochiamate online. Il trasferimento degli account su Messenger è il primo grande cambiamento che riguarda Skype adottato da Microsoft da quando ha acquisito la società. Il passaggio consentirà al programma di avere un numero ancora più alto di utenti, che potranno usare Skype non solo sui computer, ma anche sui tablet e sugli smartphone. Il programma ha una versione nuova studiata appositamente per Windows 8 e una in fase di rodaggio per Windows Phone 8.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.