• Cultura
  • mercoledì 31 ottobre 2012

La Disney ha comprato Lucasfilm

La casa di produzione di George Lucas: e ha detto che produrrà nei prossimi 7 anni altri tre film di Star Wars

La Walt Disney Pictures ha raggiunto un accordo per acquistare la casa di produzione di George Lucas Lucasfilm, fondata nel 1972, per 4,05 miliardi di dollari e si impegna a produrre un nuovo episodio della serie Star Wars entro il 2015. L’obiettivo a lungo termine è quello di girare altri tre episodi della celebre saga entro il 2019.

L’accordo prevede l’acquisizione di tutte le proprietà intellettuali della Lucasfilm (tra cui Indiana Jones) e delle società collegate, come la Industrial Light & Magic, specializzata in effetti speciali, LucasArts, attiva nel campo dei videogiochi, e Skywalker Sound, specializzata in effetti sonori, montaggio del suono e progettazione di nuovi formati audio. L’acquisizione comprende inoltre tutti i diritti legati ai prodotti e al merchandising che ruota attorno a Star Wars, che ha un giro di affari di quasi 20 miliardi di dollari.

(La causa legale sugli elmetti delle truppe imperiali)

La nuova società verrà guidata da Kathleen Kennedy, attuale co-presidente di Lucasfilm, e farà riferimento ad Alan Horn, presidente dei Walt Disney Studios. Ieri Lucas e Kennedy hanno pubblicato un video sul canale ufficiale di Star Wars su Youtube per spiegare la decisione di cedere la società alla Disney e il progetto di distribuire il nuovo film, il settimo della saga, entro il 2015 ed altri due episodi nel giro di 4 anni. «Volevo andare in pensione già da diversi anni e mi è venuto in mente che la persona giusta per gestire la società poteva essere Kathy. Per essere tutto perfetto ho sentito che volevo mettere la società in una più grande entità che la potesse proteggere. La Disney è una grande azienda», ha detto George Lucas. «Ora è arrivato il momento di lasciare Star Wars a una nuova generazione di filmmakers.»

Lucas ha anche spiegato di aver lasciato tutto il materiale accumulato nel corso degli anni a Kathleen Kennedy: «Ho già pronto del materiale per il settimo, ottavo e nono episodio, e poi ci sono i film, centinaia di libri e fumetti e tutto ciò che si possa immaginare. Ho lasciato un tesoro di storie a Kathy e ho piena fiducia in ciò che lei vorrà fare.» Kennedy, che sarà il produttore esecutivo dei film e brand manager, ha rassicurato i fans spiegando che Lucas continuerà ad essere presente nel progetto come consulente creativo: «George sarà il mio Yoda».

Per la Walt Disney Pictures è la terza acquisizione di rilievo dopo quella dei Pixar Animation Studios nel 2006 (con un’operazione da 7,2 miliardi di dollari) e della Marvel Entertainment nel 2009, per 4 miliardi di dollari. Il gruppo di società controllate da Disney include, tra le altre cose, anche i canali televisivi ABC e ESPN.

foto: Todd Anderson/Disney/Getty Images

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.