• Mondo
  • giovedì 25 ottobre 2012

Il monumento ai rom e sinti uccisi dal nazismo, inaugurato a Berlino

Furono 500.000, il memoriale è stato disegnato da un artista israeliano

Ieri la cancelliera tedesca Angela Merkel e il presidente Joachim Gauck hanno inaugurato il monumento dedicato ai 500 mila rom e sinti uccisi dal nazismo in quello che chiamano Porajmos, l’olocausto. Il monumento è stato inaugurato a Berlino, nei giardini del Tiergarten, non molto lontano dal monumento dedicato alle vittime ebraiche, inaugurato nel 2005, e da quello dedicato alle vittime omosessuali, inaugurato nel 2008. Il memoriale, disegnato nel 1992 dall’artista israeliano Dani Karavan, è costituito da uno specchio d’acqua rotondo circondato da pietre rotte. Al centro galleggia una piattaforma triangolare su cui ogni giorno viene poggiato un fiore fresco. L’iscrizione sul monumento è tratta dalla poesia Auschwitz, scritta dal poeta rom Santino Spinelli.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.