• Sport
  • sabato 6 ottobre 2012

Tutti i record di Michael Schumacher

Il pilota di Formula Uno ha annunciato il suo ritiro, a fine stagione: i suoi successi e un po' di foto della sua straordinaria carriera

di francesco marinelli

Giovedì scorso, il pilota tedesco di Formula Uno Michael Schumacher ha annunciato che alla fine di questa stagione si ritirerà. Schumacher si era già ritirato una prima volta nel 2006, quando era il pilota della Ferrari, ma poi nel 2010 è tornato a correre con una nuova scuderia, la Mercedes. La decisione di ritirarsi è stata presa il giorno dopo che la Mercedes ha annunciato l’ingaggio, per la prossima stagione, del britannico Lewis Hamilton, che ora guida la McLaren.

La carriera di Michael Schumacher è iniziata all’età di quattro anni, alla guida di un kart sul circuito di Kerpen, che era gestito dal padre. Nel 1988 passò dai kart alle classi superiori e nel 1989 passò nel campionato tedesco di Formula Tre. Schumacher debuttò in Formula Uno nel 1991 come pilota della Jordan, sostituendo nel Gran Premio del Belgio Bertrand Gachot: dopo essersi qualificato settimo nelle prove, dovette ritirarsi in gara dopo cinquecento metri dalla partenza, per la rottura della frizione. La sua prestazione nelle qualifiche fu comunque notata e apprezzata da tutti nel mondo della Formula Uno e Flavio Briatore, all’epoca direttore della Benetton, gli offrì subito un contratto.

Il primo podio nella sua carriera in Formula Uno arrivò l’anno dopo, nel 1992 in Messico, quando era ormai il primo pilota della Benetton. Quell’anno ottenne la sua prima vittoria, nel Gran Premio del Belgio. La prima pole position la fece invece nel 1994 nel Gran Premio di Montecarlo. Il 1994 fu anche l’anno del primo titolo mondiale, confermato anche nell’anno successivo. Nel 1996 ci fu il passaggio alla Ferrari, ma la macchina all’epoca non era tra le migliori: riuscì a vincere il primo titolo mondiale soltanto nel 2000. E la Ferrari non vinceva un titolo mondiale da 21 anni. Poi ne vinse altri quattro e tutti di fila. Poi, nel 2006 decise di ritirarsi dalle corse, anche se rimase alla Ferrari come consulente.

Già nel luglio del 2009 sembrava che Michael Schumacher dovesse ritornare in Formula Uno e sempre con la Ferrari, per sostituire Felipe Massa che dovette operarsi dopo un incidente. Ma non se ne fece nulla: nonostante gli allenamenti e le prove, Schumacher aveva forti dolori al collo, anche a causa del poco allenamento alle corse. L’anno dopo, Ross Brawn, che fu uno dei manager Ferrari negli anni in cui c’era Schumacher, gli propose un contratto per la Mercedes, che tornava nel mondo della Formula Uno dopo più di cinquant’anni. E Schumacher accettò la proposta. Ma i risultati fino a oggi sono stati diversi e minori rispetto a quanto fatto nella Benetton e nella Ferrari, anche a causa di una macchina poco competitiva rispetto alle altre: il primo anno arrivò nono in classifica e ottavo nel secondo. Ed è arrivato soltanto una volta sul podio (terzo, quest’anno, nel Gran Premio d’Europa di Valencia).

Michael Schumacher ha disputato più di 300 gare in Formula Uno ed è il pilota che ha vinto più titoli mondiali: sette, in diciannove campionati disputati. Due titoli mondiali, i primi, li ha vinti con la Benetton e gli altri cinque con la Ferrari. Oltre che per il numero di campionati vinti, Schumacher è anche il pilota ad aver vinto il maggior numero di Gran Premi, quello ad aver fatto più pole position di tutti (cioè che più volte è arrivato primo nelle qualifiche), quello che ha stabilito il maggior numero di migliori tempi in gara e quello ad aver realizzato il maggior numero di hat trick (cioè pole position, vittoria di gara e giro veloce nella stessa gara).

Schumacher ha vinto nella sua carriera in Formula Uno 91 gare e il maggior numero di titoli mondiali consecutivi (cinque, dal 2000 al 2004). Ha disputato il maggior numero di gare con una stessa scuderia (la Ferrari, 72 gare) e nel 2002 è riuscito ad arrivare sul podio in tutte le gare del campionato, vincendo il titolo con sei gare di anticipo (altro record). Nel 2004, quando era alla Ferrari, ha vinto 13 gare in un solo campionato, di cui sette consecutive (altro record).

Foto: Michael Schumacher (Photo by Clive Rose/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.