• Media
  • lunedì 17 settembre 2012

Le novità su Mediaset e La7

La società di Berlusconi è stata scartata dall'advisor per la vendita della tv, che ha deciso di non inviarle i documenti destinati ai potenziali acquirenti

La storia dell’interesse di Mediaset per La7, rete televisiva in vendita, è già arrivata a un “colpo di scena”, scrive Giovanni Pons su Repubblica, spiegando il senso delle voci di queste giorni e a che punto è la trattativa.

Colpo di scena nella cessione di La7. Mediobanca, l’advisor di Telecom Italia Media per la vendita della società televisiva, ha negato i “dati sensibili” a Mediaset perché l’eventuale acquisizione avrebbe fatto sorgere problemi di concentrazione sui mercati della raccolta pubblicitaria. Ma il gruppo di Berlusconi potrebbe comunque fare un’offerta.

Nella vicenda Mediaset-La7 si registra un primo colpo di scena. Mediobanca, advisor di Telecom Italia Media per la vendita della società televisiva, non ha inviato il cosiddetto “information memorandum” alla società di Silvio Berlusconi che ne aveva fatto richiesta. Gli uomini di piazzetta Cuccia hanno ritenuto che un eventuale acquisizione di La7 e di Mtv da parte di Mediaset avrebbe fatto sorgere problemi di concentrazione sui mercati della raccolta pubblicitaria e della capacità trasmissiva, e dunque l’offerta sarebbe sicuramente incappata nelle maglie dell’Autorità Antitrust. Inoltre, essendo Mediaset un concorrente diretto del polo tv che fa capo a Ti Media, gli advisor non hanno ritenuto opportuno fornire informazioni sensibili e riservate sul gruppo televisivo che fa capo a Telecom Italia.

E così, delle 15 manifestazioni di interesse iniziali, solo sette hanno avuto seguito con l’invio della documentazione preparata da Gianni Stella, l’amministratore delegato di Ti Media. Sono state scartate da questa fase anche le richieste di Ei Towers, la società delle antenne che fa capo a Mediaset (interessata ai tre multiplex per la trasmissione in digitale di proprietà di Ti Media), e di Lt Media. Al contrario Cairo Communications, il gruppo di Urbano Cairo titolare del contratto di concessione pubblicitaria de La7, dovrebbe ricevere a breve tutta la documentazione.

(continua a leggere sulla rassegna stampa della Camera)

– Enrico Mentana su Mediaset e La7

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.