• Sport
  • sabato 11 agosto 2012

Il medagliere degli ultimi

Chi vince più medaglie ce l'abbiamo davanti tutti i giorni, e va bene: ma chi fa i risultati peggiori?

Il giornalista sportivo Jared Diamond ha pubblicato ieri un articolo sul Wall Street Journal in cui ha proposto un interessante punto di vista, “ribaltato”, sul medagliere olimpico. Diamond ha tenuto il conto dei peggiori piazzamenti in ogni disciplina, assegnando agli ultimi tre una medaglia ciascuno: di zinco per il terzultimo, di stagno per il penultimo e di piombo per l’ultimo.

Partendo dai questi dati, il Wall Street Journal ha ricostruito graficamente il medagliere al contrario facendo emergere qualche dato curioso. A livello assoluto, ovvero calcolando il totale di medaglie per ogni squadra olimpica, la squadra della Gran Bretagna (che si chiama tradizionalmente così anche se rappresenta atleti che provengono da tutto il Regno Unito) detiene fino a ora il primo posto tra gli ultimi, con 31 medaglie – 8 di piombo, 11 di stagno e 12 di zinco – staccando di 8 medaglie la seconda classificata, l’Ucraina, che segue con 23.

La spiegazione di questa supremazia britannica, per Diamond, è semplicemente il fatto che, in quanto organizzatori dei giochi olimpici, i britannici partecipano con i propri atleti anche in discipline nelle quali non sono tra i più forti, con risultati in gara di conseguenza negativi. Alcuni dei punti deboli della Gran Bretagna sembrano essere gli sport di squadra. Delle 8 medaglie di piombo, infatti, ben 5 sono arrivate dalle competizioni a squadre: 2 dalla pallanuoto (sia feminile che maschile), 2 dalla pallamano (sia femminile che maschile) e una della pallavolo maschile.

Contando invece soltanto le medaglie di piombo, ovvero quelle assegnato con gli ultimi posti, ci sono due nazionali a pari merito, l’Ucraina e l’Egitto, entrambe con 11 medaglie di piombo. A seguire c’è proprio la Gran Bretagna, con 8, il Brasile con 7 e un gruppetto di inseguitori con 6 medaglie di piombo, tra i quali ci sono gli Stati Uniti, la Cina, la Russia, ma anche l’Italia.

Un paragone aggiuntivo che si può fare, a partire dai dati di Diamond, è confrontare il numero di ultimi posti con il totale degli atleti che ogni paese porta alle Olimpiadi. Si scopre così che la classifica coincide solo per il primo posto: la squadra olimpica della Gran Bretagna ha infatti anche il maggior numero di atleti, secondo i dati raccolti dal Guardian, ben 557, ovvero circa il 5 per cento di tutti gli atleti che competono in queste Olimpiadi. Seguono Stati Uniti (534), Russia (441), Australia (414), Germania (395) e Cina (379). L’Italia ne ha 290.

Foto:Streeter Lecka/Getty Images

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.