• Cultura
  • Questo articolo ha più di dieci anni

La fotografia in viaggio per Cortona

Inizia mercoledì il festival fotografico dedicato ai temi del viaggio, dalla vacanza al reportage

Mercoledì 18 luglio inizia Cortona On the Move, a Cortona (Arezzo), il festival di fotografia dedicato esclusivamente al tema del viaggio. Spostarsi, viaggiare, esplorare, scoprire sono tutte azioni che si legano in maniera profonda con la fotografia, sia che si stia documentando una vacanza al mare, sia che si stia facendo un reportage giornalistico per raccontare la storia di qualcun altro. Il festival esiste da due anni ed è curato da Arianna Rinaldo dell’associazione On the move, che per il secondo anno ha organizzato mostre e attività tra le strade del borgo etrusco dove si svolge la manifestazione.

Le mostre del circuito ufficiale sono 15 e coinvolgono artisti che da tanti anni lavorano sul tema del viaggio o che per diverse ragioni hanno deciso di sfiorarlo o attraversarlo. In mostra si potrà vedere il lavoro di ricerca durato dieci anni di Vincent Fournier, Space Project, che racconta un mondo di utopie e sogni di esplorazione attraverso immagini al limite tra realtà e finzione e che hanno a che fare con la fantascienza; saranno esposti i teatri fotografati da Massimo Siragusa che raccontano le antiche piazze d’Italia;  il progetto Riverboom,  che raccoglie, attraverso le foto vintage dei cortonesi, le fotografie delle vacanze precedenti al 1989; i reportage e le storie da diverse parti del mondo di altri autori italiani e stranieri.

C’è anche un circuito Off, composto da 5 mostre di giovani autori, che ogni anno premia un fotografo-artista, e che ha scelto quest’anno Simone Massera con il progetto Baci dalla provincia, una collezione di cartoline di non luoghi della provincia italiana con le sue brutture, gli stereotipi, le città satellite.  Agli abitanti di questi luoghi sono state date queste cartoline con la richiesta che venissero rispedite compilate con pensieri ed idee rispetto a quei luoghi.

A Cortona il pubblico può partecipare non solo come visitatore: ci sono laboratori e workshop anche per i meno esperti e letture portfolio, occasioni in cui è possibile portare le proprie fotografie e i propri progetti per farli visionare e valutare da curatori e critici, per avere consigli. Ci saranno poi conferenze e tavole rotonde su fotografia ed editoria on line.

Il festival inizia mercoledì 18 e dura fino al 30 settembre. Si può seguire su twitter e consultare il programma sul sito ufficiale.