• Sport
  • venerdì 29 giugno 2012

Il meglio di Italia-Germania 2-1

Sette cose della partita di ieri sera che dovete aver visto

L’Italia ieri sera a Varsavia ha battuto la Germania 2-1, dominando la partita, segnando due volte con Balotelli e guadagnandosi così l’accesso alla finale del torneo, che giocherà domenica sera a Kiev contro la Spagna. Se ieri sera non avete visto la partita, o se l’avete vista e non ne avete abbastanza, queste sono le cose di cui avete bisogno.

1. Il video con i gol della partita, i due segnati da Mario Balotelli e il rigore di Mesut Ozil a tempo scaduto.

2. La foto dell’esultanza di Balotelli dopo il secondo gol: statua, gladiatore, chiamatelo come volete. Circolano anche le GIF animate, per voi fissati.

3. Il video di Buffon infuriato alla fine della partita. Il capitano della Nazionale ha poi spiegato che temeva che la Germania pareggiasse, a fronte delle molte occasioni sprecate dagli italiani: «Se puoi fare sette reti alla Germania, sette gliene devi fare. Perché se avessero segnato il due a due, poi ai supplementari sarebbe finita 10-2, ma per loro. Qui si sta giocando per qualcosa di unico e di troppo prestigioso e non è giusto, per la partita fatta, soffrire negli ultimi cinque minuti e scherzare con il fuoco».

4. La foto di Mario Balotelli che abbraccia sua mamma alla fine della partita. Balotelli ha detto: «Il momento più bello della partita è stata la fine, quando sono andato da mia mamma ad abbracciarla e a dirle che i gol erano per lei. In finale verrà anche mio papà, e allora dovrò farne quattro. Devo ringraziare per gli assist Montolivo e Cassano, grandissimi. Ho anche esultato, ma ve l’avevo detto. Qualcuno si è arrabbiato per la mia ammonizione? Si sono arrabbiati perché hanno visto il mio fisico e si sono ingelositi. Sono contentissimo di questa serata, per il momento è la più bella della mia vita».

5. Le homepage dei giornali tedeschi, ieri sera. Le prime pagine dei giornali tedeschi di oggi. E se proprio siete perfidi, le prime pagine tedesche di ieri mattina, con certi fotomontaggi.

6. Le prime pagine dei giornali italiani di oggi, alcune belle, alcune pessime.

7. Le foto più belle di ieri sera.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.