Non è un Pantheon, è un linguaggio

Pierluigi Battista spiega il "bricolage" delle citazioni renziane, che spiazza il vecchio discorso politico e le abitudini ideologiche

Molti commentatori e giornali si sono dedicati tra sabato e domenica a compilare la lista delle citazioni “pop” nell’intervento di Matteo Renzi al convegno da lui convocato a Firenze, proponendolo come un nuovo “pantheon” (a cominciare dalla citazione di Mary Poppins, di cui però Renzi criticava il modello declinato in politica). Ma, spiega Pigi Battista sul Corriere della Sera, quello di Renzi non è più il modello del pantheon (come dimostra il caso di Mary Poppins, o quello della citazione dei Righeira): è un “bricolage” di riferimenti che formano – “può piacere o non piacere” –  un modo diverso di comunicare concetti.

Mary Poppins, per quanto antica, appare decisamente post. E pop. Una icona non nuova, ma rinnovata. Tradizionale, ma non tanto da essere menzionata, citata e proiettata nel discorso di un aspirante leader di partito. E invece due minuti di Matteo Renzi sono stati interamente dedicati a lei, a Mary Poppins. Tra una parabola sulla Polaroid e una citazione dei Righeira.
Con Renzi il Pd, piaccia o no, assume una coloritura post-ideologica. E non si lascia alle spalle solo l’ideologia pesante e totalizzante, quella dell’èra dei Togliatti e dei De Gasperi, o dei Berlinguer e dei Moro. No, anche quella, moderna, disinvolta, dinamica, «di tendenza» di una generazione politica, quella di Veltroni ma anche di D’Alema, che ai simboli della cultura politica più tradizionale affiancava richiami al mondo «moderno» del cinema e della canzone. Veltroni rilanciò l’«I care» di don Milani e l’omaggio alla tradizione liberal-azionista con la visita torinese a Norberto Bobbio. Ma non risparmiava citazioni e riferimenti a McEwan, o a De Gregori. Con Renzi la mescolanza tra i due piani, tra la dimensione pop e quella più consona al vecchio stile del discorso, si assottiglia fino a scomparire del tutto.

(continua a leggere su Corriere.it)

– Luca Sofri: Matteo Renzi e il ruolo del deejay

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.