• Mondo
  • giovedì 21 giugno 2012

L’ex primo ministro rumeno Adrian Nastase ha tentato il suicidio

Era stato appena condannato a due anni di carcere per corruzione, si è sparato, è vivo

L’ex primo ministro rumeno Adrian Nastase ha tentato di uccidersi sparandosi un colpo di pistola all’altezza del collo. Nastase aspettava a momenti che la polizia arrivasse a casa sua per portarlo in prigione: poche ore prima un tribunale aveva rigettato il suo appello per una condanna a due anni di prigione per corruzione. Nastase è stato condannato per avere raccolto illegalmente 1,5 milioni di euro per la sua campagna elettorale del 2004, quando era candidato alla presidenza. Si è sempre detto innocente e ha detto che le accuse sono motivate politicamente.

Nastase, che è di centrosinistra e compirà domani 62 anni, nel 2004 perse le elezioni presidenziali contro Traian Basescu, oggi presidente. L’attuale primo ministro, Victor Ponta, compagno di partito di Nastase, è andato a visitare Nastase in ospedale e ha detto che la situazione è «sotto controllo». Gli avvocati di Nastase hanno detto che il loro cliente intende appellarsi alla Corte Europea per i Diritti dell’Uomo, a Strasburgo.

foto: DANIEL MIHAILESCU/AFP/GettyImages

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.