25 foto incredibili, fatte senza Photoshop

Un tempo queste foto ci sarebbero sembrate stranissime, oggi ci sembrano inventate al computer, e invece sono vere

Da quando Walter Benjamin scrisse “L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica” il tema della perduta unicità – o della volatilità, o di altre confuse loro modalità – dei prodotti artistici è rimasto centrale e controverso. Quanto conta che un’opera sia unica o che possa essere duplicata, triplicata, identica, fino a infinite volte? E alla fine la domanda è stata insieme assimilata o rimossa: le sue contraddizioni digerite oppure ignorate, perché giudicate irrilevanti o troppo esplosive.

Parallelamente, con uno slittamento di decenni, è nato e cresciuto un simile dibattito sulla fotografia nell’era del suo ritocco artificiale potenzialmente illimitato: da un tempo in cui si metteva in guardia che nessuna immagine fotografica era “davvero” la realtà (e forse la realtà non esiste) siamo arrivati all’abitudine che le foto e la realtà possano non avere alcuna relazione, e che ogni evento reale o immaginario possa essere riprodotto in foto, senza essere stato davvero “fotografato”. E anche qui, quanto conta che dal punto di vista artistico una foto sia stata “scattata” o “costruita” digitalmente? Certo, dal punto di vista giornalistico, di documentazione della realtà, le cose cambiano: ma con zone di grigio, come mostrano le sempre più frequenti occasioni in cui i media usano – in modo spesso ambiguo – immagini ritoccate o “false”.

Per provare a farci dei pensieri, e rovesciare l’abitudine a guardare foto che sembrano vere sospettando siano ritoccate, abbiamo raccolto una serie di immagini che sembrano ricostruite ma invece sono vere. Che trent’anni fa le avremmo guardate con occhi diversi, forse.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.