• Mondo
  • martedì 22 maggio 2012

Il video dei coloni israeliani che sparano contro i palestinesi

L'incidente è avvenuto sabato scorso e ha portato a molte polemiche, soprattutto per il comportamento dell'esercito israeliano

Ieri un gruppo di attivisti per i diritti umani, l’ONG israeliana B’tselem, ha pubblicato una serie di video in cui si vedono alcuni coloni israeliani che sparano ad altezza uomo a un gruppo di palestinesi. L’incidente è avvenuto sabato scorso vicino a Asira al-Qubliya, un villaggio palestinese in Cisgiordania. Negli scontri è rimasto lievemente ferito un ragazzo palestinese, colpito alla testa da una pallottola. I video hanno portato a diverse polemiche perché sul posto è presente anche l’esercito israeliano che però, almeno da quello che si vede nei video, non è intervenuto per fermare la sparatoria.

Nel primo video si vedono alcuni coloni israeliani (molti dei quali vestiti di bianco) che scendono lungo la collina dall’insediamento di Yitzhar per dirigersi verso il villaggio palestinese di Asira al-Qubliya. Inizialmente la situazione sembra tranquilla, ma subito iniziano i primi scontri con i palestinesi, che cominciano a tirar pietre ai coloni.

Altri due video, poi, da due prospettive diverse, mostrano la scena del ferimento del giovane palestinese, dopo che il confronto tra coloni e palestinesi si è fatto molto acceso. I coloni cominciano a sparare, i palestinesi continuano a tirare pietre, l’esercito israeliano, che in teoria dovrebbe garantire la sicurezza sia dei coloni che dei palestinesi, non sembra attivarsi per fermare i coloni. Il campo dietro di loro, intanto, sta bruciando.

Proprio a causa dell’incendio, ha spiegato un portavoce dei coloni di Yitzhar, gli israeliani sarebbero scesi verso Asira al-Qubliya. Secondo loro, i palestinesi avrebbero dato fuoco ai campi intorno all’insediamento, una tecnica che verrebbe usata spesso per spaventare i coloni e mettere a rischio la loro sicurezza. Nel primo video però, quando i coloni già scendono a valle, l’incendio non è visibile, lo diventa solamente negli altri due, quando il livello dello scontro è già molto alto. L’esercito israeliano, in un comunicato, ha fatto sapere che indagherà sull’accaduto, ma allo stesso tempo ha dichiarato che i video raccontano solo parzialmente quello che è veramente successo tra i centri di Yitzhar e Asira al-Qubliya.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.