• Italia
  • mercoledì 16 Maggio 2012

Bossi indagato a Milano

L'accusa è truffa ai danni dello Stato, l'inchiesta è la stessa del caso Belsito

Umberto Bossi è indagato per truffa ai danni dello Stato nell’inchiesta sui soldi della Lega Nord aperta a Milano. Insieme a Umberto Bossi sono indagati anche i figli Renzo e Riccardo e il senatore Piergiorgio Stiffoni, 64 anni e importante esponente della Lega, accusato di peculato. Renzo Bossi si è già dimesso da consigliere regionale della Lombardia, mentre suo padre Umberto in seguito allo scandalo ha lasciato la dirigenza della Lega.

(tutti gli articoli del Post sulle inchieste sulla Lega)

L’inchiesta ha al centro l’uso da parte della Lega dei rimborsi elettorali ottenuti dallo Stato ed è una delle tre aperte sul cosiddetto “caso Belsito”. Francesco Belsito, ex tesoriere della Lega, è indagato per truffa ai danni dello Stato, appropriazione indebita e riciclaggio.  Secondo quanto riporta il Corriere, l’entità della truffa è di circa 18 milioni di euro, e coinvolge un rendiconto presentato dalla Lega Nord nell’agosto 2011 e riguardante i rimborsi elettorali per il 2010. Il rendiconto è stato controfirmato da Bossi e l’accusa lo ritiene non veritiero: per questo motivo Bossi, responsabile legalmente di quanto riportato nel documento, è stato indagato. Pare che l’indagine non riguardi sue spese personali fatte – secondo l’accusa – con i soldi del partito, a differenza di quanto viene contestato ai suoi due figli.

Le altre due inchieste che riguardano Belsito sono state aperte dalla procura di Reggio Calabria e da quella di Napoli.

A Milano, dove è indagato Umberto Bossi, sono indagati per presunta appropriazione indebita aggravata anche l’imprenditore veneto Stefano Bonet e il consulente finanziario Paolo Scala. Gli ultimi due sono considerati presunti complici di Belsito. A Napoli ci sono cinque indagati: oltre a Belsito e Bonet ci sono gli ingegneri Luigi Giannini, Riccardo De Carlini e Giordano Franceschini. A Reggio Calabria gli indagati sono otto, compresi Scala, Bonet e Romolo Girardelli. Quest’ultimo, secondo la Direzione distrettuale antimafia, sarebbe stato il punto di collegamento tra il tesoriere della Lega Nord e la cosca della ‘ndrangheta dei De Stefano.

Cos’è la Lega Nord

foto: LaPresse/Spada