• Mondo
  • domenica 29 aprile 2012

Il meglio della cena dei corrispondenti della Casa Bianca

Le foto e i video della tradizionale serata annuale in cui il presidente fa un monologo comico tra giornalisti e molte celebrità

Ieri sera a Washington si è tenuta la tradizionale e annuale cena dei corrispondenti della Casa Bianca, che è una cosa che sta a metà tra un evento mondano e uno show. Partecipano il presidente, il vicepresidente, i giornalisti inviati alla Casa Bianca e un sacco di altri ospiti e celebrità: la serata deve la sua notorietà soprattutto al rituale discorso del presidente, che è chiamato a esibirsi in un monologo comico. La cosa a Obama riesce da sempre molto bene.

Ieri il presidente statunitense ha beccato più di una volta il suo probabile avversario alle presidenziali di novembre, Mitt Romney, e gli altri repubblicani. Ha salutato gli ospiti dando loro il benvenuto in questa «grandiosa, magnifica sala dell’Hilton, quella che Mitt Romney definirebbe un piccolo appartamento da ristrutturare». Obama ha detto di avere molte cose in comune con Romney: «Per esempio entrambi siamo laureati ad Harvard. Io ho una laurea, lui due. Che snob!» (la battuta fa riferimento a dichiarazione di Santorum, che gli aveva dato dello snob per volere che i giovani americani vadano al college). Di nuovo su Romney: «Si è preso alcune ore libere l’altro giorno per vedere The Hunger Games: un film su un gruppo di persone che corteggiano sostenitori ricchissimi e poi si sbranano l’un l’altro finché non ne resta uno soltanto. Sono sicuro che lo ha rilassato molto».

Obama ha preso in giro vari altri politici, i giornalisti e nello specifico lo Huffington Post, commentando il premio Pulitzer appena ricevuto. «Nessuno è in grado di linkare al grande giornalismo come linka al grande giornalismo lo Huffington Post ogni giorno. E lo fa gratis! Che grande modello di business». Buzzfeed ha raccolto in un video le migliori battute di Obama durante il suo monologo.

La cena è stata la 98esima, e ha visto assegnare l’annuale premio giornalistico a Jake Tapper di ABC, a Scott Wilson del Washington Post, a Politico e ad Associated Press. Quest’ultima durante la cena ha raccolto 132.000 dollari da destinare al finanziamento di 16 borse di studio. Ogni anno si tiene anche un monologo comico da parte di un comico di professione, e ieri è toccato a Jimmy Kimmel, conduttore di Jimmy Kimmel Live! su ABC. Ieri ha trasmesso questo video, dove dei discorsi innocui vengono resi molto meno innocui da dei bip accuratamente posizionati.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.