• Mondo
  • sabato 14 aprile 2012

I colloqui sul nucleare iraniano in Turchia

Sono ricominciati ieri, dopo quindici mesi, e potrebbero essere l'ultima possibilità per risolvere la situazione per vie diplomatiche

A Istanbul, in Turchia, si sta svolgendo da venerdì un incontro internazionale tra i rappresentanti dei cosiddetti P5+1 (Stati Uniti, Russia, Regno Unito, Francia e Cina, i cinque membri permanenti del consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, più la Germania) e le autorità iraniane, per cercare di risolvere la questione riguardante lo sviluppo dell’energia nucleare in Iran. Questo di Istanbul è il primo incontro ufficiale negli ultimi quindici mesi, ovvero da quando, nel gennaio del 2011, i colloqui erano stati interrotti perché le due parti non erano in grado di trovare un punto di accordo su cui cominciare a discutere.

Al centro dei colloqui c’è il programma di sviluppo nucleare iraniano, che il paese sostiene da sempre essere parte del proprio diritto inalienabile di investire nella ricerca e nello sviluppo di centrali nucleari a fini unicamente energetici, e quindi del tutto pacifici. La comunità internazionale, al contrario, teme che l’obiettivo delle ricerche iraniane sia la costruzione di armi nucleari, che sarebbe un grave pericolo per la stabilità della regione, e chiede all’Iran di permettere la visita delle centrali agli ispettori dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (IAEA).

Il presidente statunitense Barack Obama ha dichiarato che questo incontro potrebbe essere l’ultima possibilità per risolvere il problema con la diplomazia, mentre i delegati della Russia – che insieme alla Cina ha un ruolo di mediazione tra le richieste occidentali e le posizioni iraniane – hanno sottolineato come sia fondamentale che questo colloquio serva a riavvicinare le parti. La speranza di Stati Uniti, Francia e Regno Unito, come ha detto il segretario di stato statunitense Hillary Clinton, resta però quello di convincere l’Iran a interrompere o almeno a diminuire l’arricchimento di uranio, nonché ad accettare l’ingresso nel paese degli ispettori internazionali.

Se l’Iran dovesse accettare queste richieste, dice la BBC, le sanzioni internazionali che colpiscono il paese – l’ultima delle quali è l’embargo europeo sul petrolio iraniano, approvato a fine gennaio – potrebbero essere ammorbidite. Nel frattempo il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha rinnovato la forte preoccupazione di Israele sul programma nucleare iraniano, minacciando ancora una volta che, se la situazione non si risolverà al più presto per vie diplomatiche, l’aviazione israeliana è pronta a bombardare le centrali nucleari iraniane.

foto: ATTA KENARE/AFP/Getty Images

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.