• Italia
  • giovedì 12 aprile 2012

20 tonnellate di carburante scaricate in mare a Taranto

La chiazza è ampia 800 metri quadrati ed è stata causata da una perdita di un mercantile battente bandiera panamense

A causa dello scarico, forse per errore, dell’acqua di zavorra, o per una falla nello scafo di un mercantile, si sono riversate in un tratto di mare a Taranto 20 tonnellate di carburante, secondo le prime stime delle squadre di intervento. L’incidente è avvenuto la notte scorsa e la Capitaneria di porto è intervenuta su segnalazione dell’equipaggio di un’altra nave, che ha notato alcune chiazze intorno all’imbarcazione battente bandiera panamense. Non è ancora del tutto chiaro quali siano state le cause della perdita, ma da diverse ore sono già iniziate le operazioni di bonifica.

Si stima che la chiazza nel tratto del mar Grande abbia una estensione di circa 800 metri quadrati. Sul posto sono al lavoro i mezzi della Capitaneria di porto e della società Ecotaras: hanno circoscritto la zona e avviato le procedure per ripulire il tratto di mare. Secondo l’Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente (Arpa), sarebbero già state recuperate circa 8 tonnellate di carburante. Per completare le operazioni di bonifica saranno necessari alcuni giorni. La situazione è difficile, ma tenuta sotto stretto controllo, dicono i responsabili delle operazioni.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.