• Mondo
  • giovedì 5 aprile 2012

I nuovi taxi di New York

Le foto delle auto che circoleranno da fine 2013: le ha fatte Nissan, hanno due porte USB e un tetto trasparente

La sera di martedì 3 aprile il sindaco di New York Michael Bloomberg ha presentato i nuovi taxi della città, che circoleranno nelle strade da fine 2013 e saranno esposti al pubblico all’International Auto Show di New York dal 6 al 15 aprile. La macchina è una Nissan NV 200, una monovolume che sarà venduta a 29.700 dollari. È dotata di un motore a quattro cilindri dai consumi ridotti rispetto al motore V-8 del Crown Victoria di Ford, il modello di taxi al momento più diffuso. Entro il 2018 le nuove auto sostituiranno i 16 modelli di taxi attualmente in circolazione a New York.

Bloomberg ha spiegato che «per la prima volta la città avrà un taxi progettato sulla base di ciò che conta di più: i passeggeri e gli autisti». Il nuovo taxi è dotato di portiere leggere e facili da aprire, di un gradino e numerose maniglie per facilitare l’entrata nella macchina. Il passeggero potrà regolare l’aria condizionata e il riscaldamento, usufruire di presa elettrica, due porte USB e luci per la lettura. Il tetto sarà trasparente e permetterà di osservare il panorama. La macchina sarà provvista anche di un sistema per filtrare i cattivi odori. Luci su entrambi i lati segnaleranno chiaramente se il taxi è libero o occupato.

Il nuovo taxi può trasportare tre passeggeri (uno davanti e due dietro) ed è dotato di un bagagliaio molto più ampio del modello Victoria. Il sedile del tassista è realizzato in materiale più comodo e il sedile del passeggero davanti potrà essere ribaltato per far spazio a un tavolino. Gli NV 200 verranno realizzati in Messico e il contratto con Nissan durerà dieci anni.

A New York circolano più di 15 mila taxi, tenendo anche conto dei duemila veicoli per le persone disabili approvati a dicembre. Ogni giorno circa 600 mila persone usano un taxi in città: la durata media di un veicolo va dai tre ai cinque anni, dopodiché dev’essere sostituito.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.