• Cultura
  • martedì 14 febbraio 2012

Com’era Roma 1960

Le foto dei Giochi dell'esordio di Muhammad Ali, dei tre ori di Wilma Rudolph e del primo grave caso di doping: non ne vedremo altre per un po', da queste parti

Questo pomeriggio Mario Monti ha deciso di non firmare i documenti per la candidatura di Roma a ospitare le Olimpiadi del 2020, di cui si è parlato a lungo negli ultimi giorni. Roma si era candidata per la prima volta a ospitare i Giochi olimpici nel 1908, ma a causa dell’eruzione del Vesuvio nel 1906 decise di rinunciare e cedere l’organizzazione a Londra. Nel 1955 il Comitato olimpico la scelse per ospitare la XVII edizione dei Giochi, che si tennero dal 25 agosto all’11 settembre del 1960.

Alle Olimpiadi di Roma esordì Muhammad Ali, che aveva 18 anni e allora si chiamava ancora Cassius Clay, e che vinse la medaglia d’oro per i pesi mediomassimi. L’atleta americana Wilma Rudolph, che aveva già partecipato alle Olimpiadi di Melbourne del 1956, a Roma vinse per la prima volta la medaglia d’oro: nei 100 metri, nei 200 metri e nella staffetta 4×100. La maratona invece fu vinta dall’etiope Abebe Bikila, che corse a piedi nudi.

Durante Roma 1960 si verificò uno dei primi gravi episodi di doping: il 26 agosto il ciclista danese Knud Enemark Jensen cadde dalla bici dopo un colpo di calore durante una gara. Jensen morì poche ore dopo in ospedale a causa di una frattura al cranio, ma analisi successive dimostrarono che la caduta era stata provocata da un’intossicazione dovuta all’assunzione del Ronicol, un farmaco che dilatava i vasi sanguigni, e altri tipi di anfetamine. Dal 1967 il Comitato organizzatore dei Giochi istituì una commissione medica che per sottoporre gli atleti a test antidoping.

Le più belle foto di Muhammad Ali, che quest’anno ha compiuto 70 anni
Il bello di Sapporo, le immagini delle prime olimpiadi invernali asiatiche della storia

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.