• Mondo
  • domenica 12 febbraio 2012

Nel Maine ha vinto Romney

Romney batte di poco Ron Paul e torna alla vittoria con il 39 per cento dei consensi, in una delle ultime primarie prima del Super Tuesday

Ieri Mitt Romney ha vinto i caucus del partito repubblicano in Maine, stato del nord est degli Stati Uniti. Il risultato emerge da un sondaggio finale – uno straw poll – effettuato sui partecipanti ai caucus, eventi più simili a piccoli congressi che a vere e proprie votazioni: assegna a Romney il 39 per cento delle preferenze e a Ron Paul, secondo classificato, un ottimo 36 per cento. Al terzo posto si è piazzato Rick Santorum con il 18 per cento dei consensi mentre Newt Gingrich si è fermato al 6 per cento. I risultati dello straw poll sono “non-binding”, ossia non sono del tutto vincolanti nella determinazione del numero di delegati di cui ogni candidato si aggiudica il sostegno, compito che spetterà al congresso republicano dello stato del Maine, in programma a maggio.

Dopo le tre pesanti sconfitte di martedì scorso in Missouri, Minnesota e Colorado, questa vittoria di Romney, per quanto risicata, non è priva di effetti per la sua corsa alle presidenziali. Nel suo blog sul New York Times il commentatore americano Nate Silver sottolinea come in questo caso per Romney il risultato mediatico sia più importante di quello statistico. Nel 2008, sfidando McCain, Romney in Maine vinse con un vantaggio enorme: 52 per cento contro il 22 per cento di McCain. Proprio per questo motivo secondo Silver la vittoria di ieri assume un’importanza particolare: se Romney avesse perso, infatti, le proporzioni del fallimento avrebbero potuto compromettere l’intera campagna di Romney, soprattutto in vista del prossimo mese di marzo.

Le primarie repubblicane si spostano ora prima in Arizona e in Michigan, il 28 febbraio, e poi nello stato di Washington, il 3 marzo. Il bersaglio grosso comunque è il cosiddetto Super Tuesday, martedì 6 marzo, quando si voterà contemporaneamente in 10 stati: una sfida che fa da spartiacque all’interno delle primarie repubblicane e che potrebbe permettere a Romney di emergere definitivamente come lo sfidante di Obama. Anche per questo per lui la cosa più importante in Maine era non perdere. Il buon secondo posto di Paul, che ha puntato molto sui caucus ed è stato l’unico a fare campagna in Maine oltre a Romney, divide ulteriormente il fronte degli sfidanti del governatore del Massachusetts: Gingrich ha vinto in South Carolina e poi si è sgonfiato, Santorum ha vinto in tre stati lo scorso martedì, Paul ha ottenuto il miglior risultato in Maine. Nessuno dei tre sembra avere intenzione di ritirarsi prima del Super Tuesday.

– Tutti gli articoli del Post sulle primarie repubblicane
– La guida del Post alle primarie repubblicane

foto: AP Photo/Robert F. Bukaty

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.