• Mondo
  • domenica 6 novembre 2011

Accordo in Grecia, Papandreou lascerà

Il presidente della Repubblica ha annunciato l'intesa per un governo di coalizione non guidato dall'attuale primo ministro

Intorno alle 22 italiane di domenica sera la presidenza della Repubblica greca ha diffuso un comunicato in cui si annuncia un’intesa per la formazione di un nuovo governo di coalizione a breve, che sostituisca quello attuale guidato dal primo ministro Papandreou e non abbia a capo quest’ultimo. La decisione era stata successivamente avvicinata negli ultimi giorni e nelle ultime ore dopo le polemiche sul referendum sul piano di salvataggio europeo prima convocato e poi ritirato da Papandreou e l’aggravarsi degli attacchi al primo ministro anche all’interno del suo partito: il tutto in una fase ancora difficilissima della crisi economica greca.

L’accordo è stato raggiunto in serata dopo una consultazione tra Papandreou e il leader dell’opposizione Antonis Samaras, ospitata dal presidente della Repubblica Karolos Papoulias. Un nuovo incontro avrà luogo lunedì per definire meglio le prospettive e scegliere un primo ministro incaricato. Nuove elezioni si terranno una volta portate a termine le ratifiche del piano europeo di aiuti e richieste contro la crisi, ma non sono state fissate date.

(LOUISA GOULIAMAKI/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.