Google chiude Buzz

Il servizio all'interno di Gmail, che pochi usavano, viene sacrificato per fare spazio al nuovo social network Google+

Google ha deciso di chiudere Buzz, il servizio che funziona all’interno di Gmail per condividere con i propri contatti messaggi e contenuti. Lanciato nel febbraio del 2010, Google Buzz era stato considerato da molti come una possibile alternativa a Twitter e ad altri social network, ma nonostante fosse presente negli account di decine di milioni di iscritti a Gmail non aveva mai riscosso un grande successo.

La società ha deciso di terminare il servizio dicendo di volersi concentrare su Google+, il suo nuovo social network messo online a fine giugno e da qualche settimana aperto a tutti. Già all’epoca la possibilità di chiudere in tempi rapidi Buzz era parsa la più logica, considerato che i due servizi hanno molte caratteristiche in comune.

Il manager di Google Bradley Horowitz, ha messo insieme sul proprio profilo di Google+ qualche riflessione su Buzz, che sarà chiuso nel corso delle prossime settimane. Il dirigente ricorda i seri problemi che ebbe all’inizio il sistema, soprattutto sul fronte della privacy: gli iscritti nei primi giorni non avevano molte possibilità per controllare che fosse in grado di visualizzare i loro contatti, particolare che portò a grandi polemiche e a minacce di azioni legali contro Google.

Quella esperienza, spiega Horowitz, è stata comunque importante per capire come far meglio e ha portato infine all’idea delle “Cerchie”, gli insiemi di amici facili da organizzare sul nuovo Google+. Da Buzz i responsabili di Google dicono di aver anche imparato come si presenta un nuovo prodotto. Il nuovo social network è stato messo inizialmente a disposizione di un numero limitato di persone per testarlo e apportare modifiche sulla base delle loro segnalazioni. Solo in un secondo momento è stato aperto a tutti, sistema che ha anche consentito di creare un po’ di attesa sul servizio.

La scelta ha funzionato, ma stando alle stime di alcune società di statistica, nelle ultime settimane i nuovi iscritti al social network hanno iniziato ad aumentare con un ritmo più lento. È diminuito anche il tempo trascorso mediamente sul social network e il messaggio pubblicato per errore da un ingegnere di Google, in cui il sistema veniva definito un fallimento, non ha aiutato. Ora la speranza è che la rimozione di Buzz possa incentivare altri utenti a utilizzare maggiormente Google+.

A chi desidera tenere traccia delle proprie attività passate su Buzz, Google consiglia di utilizzare Takeout. Il sistema permette di effettuare un download dei propri dati conservati nei prodotti della società.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.