La Grecia ottiene altri soldi

Le istituzioni finanziarie internazionali hanno completato la revisione dei conti e hanno acconsentito a prestare altri 8 miliardi di euro

Gli inviati della Commissione Europea, della Banca Centrale Europea e del Fondo Monetario Internazionale hanno completato una revisione dei conti pubblici della Grecia (la quinta dall’inizio della crisi), e hanno concluso autorizzando l’erogazione di una nuova rata da 8 miliardi di euro del prestito concesso al paese dalle tre istituzioni internazionali.

Il prestito è necessario per aiutare il paese a far fronte ai suoi debiti, e prima dell’erogazione deve ancora essere approvato dal Consiglio dei ministri delle finanze europei (l’Unione Europea contribuirà per 5,8 miliardi di euro) e dal comitato esecutivo del FMI (che contribuirà per i rimanenti 2,2 miliardi). La rata è parte del primo prestito da 110 miliardi di euro concesso dalle istituzioni internazionali, mentre sono in corso i negoziati per definire i termini di un secondo prestito da 109 miliardi dopo che il primo si è dimostrato insufficiente.

Nella dichiarazione congiunta al termine dell’ispezione, i tre organismi internazionali hanno detto che la Grecia dovrebbe riuscire a raggiungere i suoi obbiettivi fiscali per il 2011-2012, ma hanno anche sottolineato che “le autorità devono impegnarsi più a fondo sulle riforme strutturali nel settore pubblico e, più in generale, nell’economia”, aggiungendo che ci si può attendere una ripresa solo a partire dal 2013.

foto: Louisa Gouliamaki/AFP/Getty Images

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.